Covid, test troppo cari: nel Napoletano arriva il tampone sospeso e solidale

tampone sospesoDopo il caffè e il paniere sospeso, arriva ora il tampone sospeso. Con il dilagare del covid tra la popolazione sempre più persone si devono sottoporre alla quarantena o all’auto-sorveglianza. Fondamentale quindi resta il tampone, molecolare o rapido, che ne attesti la negatività. Spesso però i costi dei tamponi sono troppo alti per chi non ha soldi. Ma non solo, tempi di attesa lunghi e file si sono registrate nei giorni scorsi in alcune città. Ciò ha fatto scattare la corsa al tampone in farmacia con esborsi per famiglie eccessivi. Basti pensare che se i prezzi dei test antigienici sono stati calmierati (15 euro gli adulti, 8 i minori), quelli molecolari variano a seconda del laboratorio dai 60 agli 80 euro.

NEL NAPOLETANO ARRIVA IL TAMPONE SOLIDALE E SOSPESO

Ora arriva una bella iniziativa adottata dal comitato della salute pubblica dell’area vesuviana che, in collaborazione con la sezione di Torre Annunziata (Napoli) di Confcommercio e la farmacia Napolitano di Boscoreale ha deciso di organizzare due giornate di tamponi gratuiti e test rapidi ”sospesi” per chi non può permetterseli. I tamponi molecolari costeranno 3 euro (prezzo di costo) e durante la giornata saranno raccolti fondi per aiutare chi non può pagare neanche tale cifra (tampone sospeso, 6 euro). L’anitgenico invece sarà effettuato gratuitamente da operatori sanitari volontari accreditati. Si parte sabato 15 gennaio alle ore 10 da Torre Annunziata nella zona antistante il porto, in modalità drive test. Il giorno dopo invece, come spiegato dall’associazione culturale ”La Stazione” di Boscoreale:

Vi informiamo che domenica 16 gennaio alle ore 10 effettueremo l’iniziativa “Tampone solidale” negli spazi adiacenti alla Stazione (a ridosso dell’ex ferrovia dello Stato, ndr). Iniziativa organizzata insieme al comitato per la salute pubblica “Ce avite accise’ a Salute ‘ e alla Confcommercio di Torre Annunziata” e ad altre associazioni del territorio vesuviano“.

Come spiegato da Massimiliano Napolitano in un post su Facebook:

“Un anno e mezzo fa grazie a questo gruppo è nato un movimento di cittadinanza attiva fatto di associazioni, movimenti e singole persone che chiedeva che la sanità del comprensorio Vesuviano non subisse ulteriori ridimensionamenti, dopo i tagli degli anni precedenti. Con il Comitato della Salute nel settembre 2020 scrivevamo:
“Sono ore buie per il nostro paese e per la nostra comunità vesuviana, siamo preoccupati che un ondata devastante possa colpire questo territorio scoperto dei servizi essenziali. La concomitanza del combo influenza stagionale-covid19 pone in essere la possibilità che l’unico pronto soccorso dell’ospedale Maresca possa essere preso d’assalto per un ondata di panico generalizzato; tutto questo ci fa temere un disastro. Disastro è Stato. Chiedevamo la riapertura dell’ospedale di Torre, un potenziamento della medicina territoriale, più consultori, nulla è Stato fatto, nessuna risposta, se non la chiusura dell’ospedale di Bosco aperto solo per i malati Covid.


La continua emergenza purtroppo è sotto gli occhi di tutte ed è nelle tasche dei cittadini costretti anche a doversi pagare i test rapidi mentre in altri Stati Europei sono gratuiti ed in altre regioni le farmacie comunali li somministrano a prezzo calmierato. Il nostro non è un atto d’accusa verso i privati (Farmacie e centri medici), che sopperiscono ad una Regione che – oltre le chiusure generalizzate di Ospedali, Scuole, Trasporti, nessun ha prodotto nessun investimento in Salute e Sicurezza. La rincorsa al tampone – a volte indotta da una comunicazione preoccupante e allarmistica – dovrebbe essere compensata dalla distribuzione gratuita degli stessi o da prezzi ulteriormente calmierati. Per questa ragione il Comitato “CE AVITE ACCISE A SALUTE”, ha organizzato due giorni per offrire un test molecolare rapido a prezzo di costo e somministrato gratuitamente da personale medico e infermieristico. L’iniziativa verrà svolta grazie al contributo di Confcommercio Torre Annunziata e della Farmacia Napolitano che provvederà ad inserire nella piattaforma sanitaria sistema regionale il responso. Vi aspettiamo nelle giornate di sabato e domenica per aderire al Tampone Sospeso offrendo semplicemente un proprio contributo per l’acquisto di nuovi test e per organizzare nuove giornate in cui ancora una volta è la Cittadinanza Attiva ad essere Stato vicino ai bisogni della popolazione“.

Potrebbe anche interessarti