Casi Covid, in 7 giorni aumentati del 51,4% in Campania: ricoveri sopra soglia di saturazione

Report Gimbe. Aumentano i nuovi casi positivi nella settimana dal 5 all’11 gennaio. Anche in Campania c’è stato un peggioramento del 51,4% rispetto alla settimana precedente. Inoltre, i posti letto in area medica (al 24,8%) e in terapia intensiva (al 12,2%) occupati da pazienti Covid-19 sono sopra la soglia di saturazione.

Il bollettino della Campania di oggi 13 gennaio

Report Gimbe, aumentano i casi positivi in Campania

I dati emergono dal report settimanale della Fondazione Gimbe, che analizza l’andamento dell’epidemia Covid-19.

L’elenco dei nuovi casi per 100mila abitanti dell’ultima settimana, in Campania: Napoli 2.584; Salerno 2.047; Caserta 2.031; Benevento 1.625; Avellino 1.252.

Ciclo vaccinazioni completo per il 60,6% dei campani

Per quanto riguarda il ciclo di vaccinazioni in Campania la popolazione che lo ha completato è pari al 75,5% (media Italia 79%) a cui aggiungere un ulteriore 4,4% (media Italia 3,8%) solo con prima dose. Il tasso di copertura vaccinale con terza dose è invece del 60,6% (media Italia 61,5%). Inoltre, la popolazione dai 5 agli 11 anni che ha completato il ciclo vaccinale è pari all’1,3% (media Italia 2,4%) a cui aggiungere un ulteriore 12,4% (media Italia 15,9%) solo con prima dose.

Ci troviamo in una fase estremamente critica della pandemia, – scrivono nel report – in cui distorte narrative ottimistiche appannano l’insufficienza delle misure per rallentare la curva dei contagi e sottovalutano i rischi per la salute delle persone e per l’economia del Paese. Innanzitutto, l’ingente numero di nuovi casi, in continua crescita, dopo aver mandato in tilt i servizi territoriali sta determinando la progressiva saturazione degli ospedali, con limitazione degli interventi chirurgici programmati – anche in pazienti oncologici – e la riduzione delle capacità assistenziali, anche perché il personale sanitario è ormai allo stremo. In secondo luogo, l’enorme numero di persone positive sta progressivamente paralizzando numerosi servizi essenziali: dai trasporti alla scuola, dalla sanità agli uffici pubblici. Infine, a meno di “iniezioni” di posti letto dell’ultima ora o di modifica dei criteri per classificare i pazienti COVID ospedalizzati, entro fine mese numerose Regioni andranno in zona arancione e qualcuna rischia la zona rossa. Un colore che certificherebbe il fallimento nella gestione della quarta ondata, nonostante la disponibilità di vaccini molto efficaci nel prevenire la malattia grave.

Potrebbe anche interessarti