Ucraina, Draghi: “Arrivati in Italia circa 24 mila profughi. Dovranno fare il tampone ogni 48 ore o vaccinarsi”

draghi ucrainaLa guerra in Ucraina sta spingendo tantissime donne e bambini a fuggire. Anche se i corridori umanitari non sono del tutto sicuri e gli uomini dai 18 ai 60 anni non possono lasciare la Nazione, secondo il premier Mario Draghi nel nostro paese sono state accolte già 24 mila persone provenienti dall’Ucraina.

UCRAINA, DRAGHI: “ARRIVATI IN ITALIA GIA’ 24 MILA PROFUGHI”

Il presidente del Consiglio durante il question time alla Camera ha dichiarato:

All’8 marzo sono arrivati 21095 cittadini ucraini, oggi sono 23872 principalmente dalla frontiera italo-slovena, oltre il 90 per cento sono donne e bambini: ieri 10500 donne, oggi 12 mila, gli uomini erano 2mila ieri, oggi 2200, i bambini 8500 ieri e oggi 9700. Il flusso è certamente destinato ad aumentare. Per i profughi ucraini che vogliono svolgere attività lavorativa abbiamo previsto una prima misura che consente loro sulla base della sola richiesta del permesso di soggiorno ed in deroga alle quote del decreto flussi di lavorare sia in forma autonoma che stagionale“.

QUESTIONE SANITARIA

L’arrivo di questo flusso di profughi crea però un problema sanitario dato che la pandemia non è ancora finita. Anche la Regione Campania aveva lanciato nei giorni scorsi un appello per regolarizzare gli arrivi e sottoporre i cittadini ucraini a tamponi e vaccinazione anti covid presso il residence dell’ospedale del Mare. Il premier Mario Draghi chiarisce questo punto:

Riguardo alla questione sanitaria, i profughi o fanno il tampone ogni 48 ore o accettano di vaccinarsi. Il dipartimento della protezione civile – ha rilevato – provvede alla ricognizione dei posti letto e al trasferimento pazienti inoltra agli ucraini nei centri di prima accoglienza è prevista assistenza sanitaria, sociale, psicologica, orientamento legale e corsi di lingua italiana. Nei centri sono previsti servizi anche finalizzati all’integrazione e alla formazione professionale“.

Potrebbe anche interessarti