Un messaggio Whatsapp per chiedere assistenza sanitaria: così l’Asl Napoli 2 Nord aiuta gli ucraini

assistenza sanitaria ucrainiUn messaggio Whatsapp per richiedere l’assistenza sanitaria: così l’Asl Napoli 2 Nord accoglie i cittadini ucraini in fuga dalla propria terra.

Sono tanti i cittadini ucraini che da circa due settimane sono stati e sono costretti ad abbandonare le proprie case e la propria nazione a causa della guerra mossa dalla Russia. Il comune di Napoli e i comuni della provincia hanno mostrato una immediata solidarietà, organizzando al meglio l’accoglienza dei rifugiati.

A tal proposito il sindaco di Napoli Gaetano Manfredi ha dichiarato lo scorso 9 marzo a Radio 24: “La valutazione che facciamo è che, se ogni persona ucraina presente nel nostro territorio ne richiama a sé due, noi potremmo avere anche 100mila persone tra la città di Napoli e la prima fascia dell’area metropolitana, quindi numeri molto grandi“. 

In previsione di tale affluenza, infatti, l’Asl Napoli 2 Nord ha predisposto un metodo efficace e veloce per garantire immediata assistenza sanitaria ai profughi di guerra che arriveranno o sono già arrivati nei territori di competenza, come dichiarato in un comunicato: I cittadini ucraini accolti sul territorio dell’Asl Napoli 2 Nord potranno richiedere assistenza sanitaria inviando un messaggio whatsapp al 3384954983  per poi essere reindirizzati ad un modulo, compilabile anche al seguente link“.

In alternativa l’Asl Napoli 2 Nord garantisce anche assistenza medica agli sportelli Emergenza Ucraina siti presso i seguenti Distretti Sanitari: Pozzuoli, Bacoli, Monte di Procida (Pozzuoli – Via Giacinto Diano); Isola di Ischia e isola di Procida (Ischia – Via de Luca n. 20); Giugliano (Giugliano – Corso Campano n. 316); Marano e Quarto (Marano – Via Musella); Villaricca, Qualiano, Calvizzano (Villaricca – Corso Italia n. 168b); Mugnano e Melito (Mugnano – Via Aldo Moro n.8); Sant’Antimo, Frattamaggiore, Frattaminore, Casandrino, Grumo Nevano (Sant’Antimo – Via Solimene); Arzano e Casavatore (Arzano – Via Cardarelli n. 1); Casoria (Casoria – Via De Gasperi n. 43); Afragola (Afragola – Via De Gasperi n. 1); Caivano, Cardito e Crispano (Caivano – Via Santa Chiara); Acerra (Acerra – Via Flavio Gioia n. 1); Casalnuovo (Casalnuovo – Via degli Oleandri n. 1).

Anche il sindaco di Mugnano di Napoli, Luigi Sarnataro, ha comunicato sui suoi social l’attivazione di uno sportello di accoglienza per i profughi presso il distretto sanitario del suo territorio: “Lo sportello è aperto dal lunedì al venerdì dalle ore 08:30 alle 13. Personale dedicato è pronto a ricevere i profughi, anagrafarli, munirli di codice STP, sottoporli a test antigenico rapido, indirizzarli alle vaccinazioni anti-Covid, e pediatriche classiche per i bimbi“.

Potrebbe anche interessarti