Eav, i dipendenti scioperano e chiedono: “Potenziare le corse di Circumvesuviana e Cumana”

cumanaI dipendenti EAV annunciano uno sciopero che avrà luogo venerdì 17 giugno prossimo. Diversi i motivi della contestazione, così esplicati dai sindacalisti di USB Lavoro Privato ed ORSA TRASPORTI: “Contro il disastro trasporti, il licenziamento illegittimo del sindacalista Luca Giordano, l’incapacità e la protervia dell’alto “management” nella gestione del personale e del servizio. Basta tagli, soppressioni e disservizi, basta con il clima vessatorio e la rappresaglia nei confronti dei lavoratori e dei sindacalisti non allineati al sistema EAV”.

Una delle questioni principali è dunque il licenziamento di un dipendente sindacalista il quale, secondo quanto riferito da Eav, si sarebbe introdotto nella sala dov’era presente il direttore per aggredirlo verbalmente, fino all’arrivo delle guardie. La diatriba, visto lo scontro tra le parti, dovrà essere risolta in un momento successivo.

I dipendenti esplicano inoltre altri motivi dello sciopero: “Rilanciare finalmente l’azienda e l’offerta di trasporto pubblico in Campania dopo anni di scelte politiche e manageriali nefaste che hanno ridotto al collasso il servizio, a scapito di lavoratori ed utenza, l’USB Lavoro Privato ed ORSA TRASPORTI propongono:

– Il potenziamento delle corse e l’ampliamento dell’orario di apertura al pubblico della Circumvesuviana e delle linee Flegree;
– La riapertura delle biglietterie nelle stazioni chiuse o impresenziate, anche con l’integrazione del personale ex Giraservice, come previsto dal protocollo d’intesa del 4 agosto 2021 presso la Regione Campania;
– Il miglioramento reale e concreto della sicurezza all’interno di bus, treni e stazioni, ma anche delle condizioni operative del personale;
– L’adozione di procedure condivise che garantiscano, a tutti i lavoratori, i massimi criteri di pubblicità, imparzialità e trasparenza nella gestione del personale;
– Il rispetto delle esigenze fisiologiche del personale, delle differenze di genere e dei diritti delle donne nei luoghi di lavoro;
– Il miglioramento delle condizioni igienico-sanitarie dei mezzi e dei luoghi di lavoro EAV anche attraverso l’assorbimento, come da protocollo regionale del 23 marzo 2022, dei 27 lavoratori della ditta di pulizie ex CTP;
– La riorganizzazione del lavoro per il personale addetto al DCO;
– La revoca immediata del licenziamento ritorsivo comminato al lavoratore e sindacalista Luca Giordano con relativa reintegrazione nel suo posto di lavoro.

Per tutti questi motivi, in concomitanza con la prima azione di sciopero, venerdì 17 giugno 2022, alle ore 10.00, presso la Direzione EAV a Porta Nolana, effettueremo un presidio di protesta in cui chiederemo di essere ricevuti dal Presidente, nonché Direttore Generale, dell’EAV Umberto De Gregorio”.

Potrebbe anche interessarti