Aumenti autostrade dell’1,5% da fine giugno: pronti ricorsi al Tar

casello autostrada

Autostrade, Aspi: previsto aumento tariffe 1,5% da fine giugno. Assoutenti: improponibile. In caso di rincari pedaggi pronti a ricorso al Tar.

Autostrade, tariffe in aumento: ricorsi al Tar

Tariffe autostradali devono scendere considerato il servizio in netto peggioramento. Qualsiasi aumento delle tariffe autostradali per la rete di Aspi sarà impugnato da Assoutenti dinanzi al Tar del Lazio, al fine di bloccare incrementi vergognosi dei pedaggi che non appaiono in nessun modo giustificati. Lo afferma l’associazione dei consumatori commentando le dichiarazioni di Roberto Tomasi, ad di Autostrade per l’Italia, secondo cui è previsto un aumento delle tariffe dell’1,5% da fine giugno.

Anche solo l’idea di aumentare il costi dei pedaggi sulla rete Aspi è improponibile – afferma il presidente Furio TruzziGli automobilisti che utilizzano l’infrastruttura autostradale pagano ogni giorno il prezzo di un servizio in netto peggioramento, tra cantieri, ritardi, traffico e criticità varie, e proprio in tal senso e per la logica del price-cap le tariffe dovrebbero diminuire, non certo aumentare. Senza contare che Aspi è oramai tornata in mano pubblica con il passaggio alla guida di Cassa Depositi e Prestiti”.

Per tale motivo, qualora il Ministero dei Trasporti dovesse autorizzare l’incremento tariffario, Assoutenti ricorrerà al Tar del Lazio impugnando i relativi atti, a tutela degli utenti delle autostrade” – conclude Truzzi.

Aumento benzina

Benzina, sconto 30 centesimi fino al 2 agosto, Assoutenti: misura del tutto deludente. Governo ricorra a tariffe amministrate per benzina e gasolio. Speculazioni vanificano taglio accise. Un provvedimento del tutto deludente che non porterà ad una riduzione dei listini dei carburanti alla pompa. Lo afferma Assoutenti, che boccia la proroga del taglio delle accise fino al prossimo 2 agosto decisa oggi dal Governo.


Segui Vesuviolive.it su:

Potrebbe anche interessarti