Villa Macrina: la biblioteca comunale. Tutto quello che c’è da sapere

Villa Macrina, Torre del Greco
Villa Macrina, Torre del Greco – Foto di Luigi Fiore by Flickr

VILLA MACRINA, villa vesuviana del  XVIII, è la sede già da qualche anno della BIBLIOTECA COMUNALE “Enzo Aprea” di Torre del Greco.

Il patrimonio librario presente è di circa 18.000 volumi, dei quali circa 2500 antichi, tutto catalogato in rete.

In Biblioteca, previa iscrizione, si possono consultare volumi, utilizzare la sala lettura, si può richiedere il prestito di libri anche interbibliotecario, inoltre è possibile la consultazione on-line del patrimonio librario posseduto dalla biblioteca mediante il sito provinciale – www.iperteca.it ed il sito regionale – www.opacregionecampania.it, grazie anche alla rete di connessione ad internet gratuita (free wi-fi zone).

Previo accordi con la segreteria della biblioteca, è possibile effettuare anche visite scolastiche.

In sintesi, la Biblioteca Comunale fornisce informazioni e servizi, tra i quali:

  • lettura
  • riproduzioni
  • prestiti
  • informazioni bibliografiche
  • consultazione testi

Villa Macrina, inoltre, è anche un sito d’eventi, come:

– Mostre di quadri personali e collettive e di oggetti dell’artigianato Torrese ;

– Presentazione di libri – Seminari di interesse pubblico ;

– Concerti e rappresentazioni teatrali;

– Celebrazione di Matrimoni con rito civile.

Villa Macrina fa parte delle 122 Ville Vesuviane comprese nel territorio dei Comuni di Napoli, San Giorgio a Cremano, Portici, Ercolano, Torre del Greco.  Era il 1738, quando Carlo di Borbone e Maria Amalia di Sassonia, sua moglie, scelsero Portici per costruire una nuova reggia e per dare inizio agli scavi della città romana di Herculaneum. Questo spinse tutta la nobiltà napoletana a seguire la corte dei Borbone, innalzando nella zona costiera ai piedi del Vesuvio alcune ville per il soggiorno estivo. Si venne a creare, così, un complesso architettonico unico al mondo per quantità e bellezza, ai piedi del vulcano e riflesso nel mare, orgoglio del rococò e del  neoclassicismo. La concentrazione delle Ville Vesuviane nella zona compresa nei confini del comune di Ercolano, attirò facoltosi committenti all’economia del Regno di Napoli, facendo meritare il nome di Miglio d’Oro al tratto di strada che attraversava gli edifici costruiti da architetti quali Luigi Vanvitelli, Ferdinando Fuga, Domenico Antonio Vaccaro, Ferdinando Sanfelice, completati da vasti giardini e da ammirevoli decorazioni pittoriche. Antichi capolavori dedicati al piacere, riportati in vita dopo anni d’abbandono e restituiti ai cittadini in qualità di cornice unica per eventi culturali di ogni genere.

Villa Macrina - scalinata
Villa Macrina, Torre del Greco – Foto di Enrico Vitiello by Flickr

 

Raggiungere Villa Macrina è molto semplice:

– Autostrada Napoli-Salerno uscita  Torre Annunziata Nord percorrendo 2 Km in direzione
Torre del Greco – uscita Torre del Greco percorrendo 4 Km in direzione Torre Annunziata ;

– Circumvesuviana – fermata Villa delle Ginestre – a 200 mt ;

– Autobus urbani ed extraurbani – fermata Via Nazionale, 601 (Villa Macrina) .

Biblioteca Comunale “Enzo Aprea” è aperta al pubblico dal lunedì al venerdì nei seguenti orari:

ore 9,30-13,00

ore 15.00- 18,30

 

Per qualsiasi domanda o informazione su specifici servizi, è possibile scrivere all’indirizzo e-mail:

biblioteca@comune.torredel greco.na.it oppure telefonare al n° 0818475865.

 

[mappress mapid=”198″]

Potrebbe anche interessarti