Video. Pazienti tra i propri escrementi al S. Giovanni Bosco di Napoli

Escrementi - Ospedale San Giovanni Bosco di Napoli

Il nuovo anno è ormai alle porte, si parla di crescita e progresso, però purtroppo alcuni campi sono ancora troppo indietro per far figurare al meglio la nostra città.

Si ritorna a parlare di malasanità, di strutture ospedaliere che lasciano a desiderare, ma questa volta non si tratta dei pazienti in esubero rispetto ai posti disponibili per ricovero e degenza, bensì la problematica va oltre e tocca il campo igienico, un aspetto che dovrebbe essere indiscusso negli ospedali.

Il video amatoriale pubblicato da fanpage.it, evidenzia lo stato degradante in cui i pazienti del reparto di Medicina Generale dell’Ospedale S. Giovanni Bosco di Napoli, sono costretti a vivere. Disordine, escrementi, un vero e proprio dimenticatoio dove gli ammalati e i parenti che li accudiscono, ogni giorno respirano il degrado di un impianto sanitario che lascia nettamente a desiderare.

Come si può pensare anche solo lontanamente che le condizioni igieniche ospedaliere siano irrilevanti?  Premesso che una persona affetta da una qualsiasi malattia è maggiormente predisposta ad infezioni di ogni genere,  è inammissibile chiudere gli occhi dinanzi ad uno scempio di questo livello.

Ad accusare l’ospedale sono Francesco Borrelli dei Verdi e lo speaker radiofonico Gianni Simioli, che a nome dei pazienti rendono pubblica la notizia.  Lo stato di abbandono è disgustoso, e chi è a capo di questo degrado deve subire le conseguenze. I cittadini ogni giorno pagano tasse per ricevere servizi quantomeno dignitosi ma questo è il risultato. Come possiamo pensare poi di lamentarci, quando la TV infanga la nostra città per mancanze così evidenti? Il popolo sta iniziando a reagire scendendo in campo e questo video ne è la dimostrazione, ma le istituzioni cosa aspettano per tutelarci?

* foto di periferiamo

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più