Ciro Esposito: i pm chiedono l’omicidio volontario per De Santis

Gastone, Daniele De Santis, Ultras della Roma
Daniele De Santis, detto Gastone

In seguito alle indagini sugli avvenimenti che, il 3 Maggio 2014, poco prima della finale di Coppa Italia Fiorentina – Napoli, hanno portato alla tragica fine del tifoso del Napoli Ciro Esposito, la procura di Roma ha chiesto il rinvio a giudizio di Daniele De Santis, ultrà giallorosso accusato dell’aggressione mortale.

I pm Eugenio Albamonte e Antonino di Maio accusano il De Santis, conosciuto dalla tifoseria come Gastone, di omicidio volontario, tentato omicidio e porto abusivo di armi. La richiesta verrà esaminata dal Gup il 28 Aprile e, se accolta, farà instaurare il processo ai danni del tifoso romanista.

A rischiare il processo sono anche due tifosi napoletani, Gennaro Fioretti e Alfonso Esposito, i quali facevano parte del gruppo che, con Ciro Esposito, secondo le testimonianze, si avventarono contro “Gastone”. Questi ultimi sono accusati solo di rissa aggravata, mentre gli altri due tifosi giallorossi che, sempre secondo le testimonianze, spalleggiarono De Santis, non appaiono nella richiesta di rinvio a giudizio.

LEGGI ANCHE
Camorra, rivalità tra clan vesuviani. Arrivano gli arresti

 

Potrebbe anche interessarti