Sandro Ruotolo sotto scorta. Il boss casalese Zagaria: “‘O vogl’ squartato viv'”

sandro ruotolo

Sandro Ruotolo, giornalista della trasmissione “Servizio Pubblico” de La7 e stretto collaboratore di Michele Santoro, è stato minacciato di morte dal capo clan dei casalesi Michele Zagaria che in carcere avrebbe pronunciato parole intimidatorie proprio contro il giornalista: “‘O vogl’ squartato viv'”.

Il tutto è nato dopo un reportage di Servizio Pubblico nel quale è andata in onda un’intervista di Ruotolo e Carmine Schiavone per la questione della Terra dei Fuochi: “Ci sono tracce recenti di rapporti tra Zagaria, quando era latitante, e i servizi segreti. Ma parliamo degli anni Duemila [..]”

E’ proprio per questo motivo che, come ha comunicato Il Mattino, Sandro Ruotolo è stato messo sotto la protezione di una scorta.

Tanti sono i messaggi di solidarietà per il noto giornalista che sono stati pubblicati in rete anche da senatori e deputati: “La camorra è più che mai attiva e vuole colpire le persone che denunciano la sua attività, un copione vecchio e che conosco bene”, “La forza dello Stato si misura anche sulla base della sua capacità di proteggere chi è impegnato in prima linea non solo nelle indagini, ma anche chi ha denunciato e denuncia pubblicamente i crimini e l’illegalità. La scorta è una misura difensiva; in Campania, soprattutto nella Terra dei Fuochi, è forse ora di fare qualcosa di più contro Zagaria e gli altri clan” e ancora “Vicini a Sandro Ruotolo, da sempre impegnato in prima linea nelle inchieste più difficili. Con lui sempre più determinati contro i poteri criminali”, “Ci affidiamo alla competenza delle forze dell’ordine affinché venga salvaguardata anche in questo caso nel nostro Paese la libertà di cronaca e di inchiesta contro chi opera per inquinare la nostra democrazia”, “Solidale con Sandro Ruotolo, grande giornalista minacciato dalla camorra. Caro Sandro, questi bastardi non fermeranno mai il tuo coraggio“.

Potrebbe anche interessarti