La storia azzurra in giro per l’Italia: così si promuove il Napoli Supporters Trust

Tifosi Napoli

La storia azzurra in giro per l’Italia, un tour per far conoscere i successi che il Napoli ha ottenuto in lunghi anni di storia. Un sogno? No realtà! Parte infatti da Padova il Napoli Supporters Trust on Tour, il progetto lanciato il 28 Maggio scorso e che pian piano si farà conoscere in tutti i club azzurri in giro per l’Italia.

Parlare di Supporters Trust, significa fare riferimento a tifosi che scelgono di collaborare con la società calcistica della propria squadra del cuore, in veste di azionisti. In Italia, i primi ad inserirsi in questo progetto sono stati i tifosi dell’Ancona, ma ad oggi non si esclude la possibilità che anche il Napoli accetti questa nuova frontiera di dirigenza del calcio.  Proprio oggi a Padova, nei locali della Biblioteca dello sport di Padova, è avvenuta  la conferenza stampa di presentazione, alla presenza di Carmine Carlo, Simone Forte e del socio fondatore di Napoli Supporters Trust e presidente del locale Napoli club Simone Angrisani.

Nel cortile dell’antico Palazzo Moroni, è stata allestita, grazie al patrocinio del Comune di Padova in collaborazione con l’Assessorato e la Biblioteca dello Sport, una mostra storica del Calcio Napoli, dove attraverso vignette e disegni di Giuseppe Sirio Esposito, artista napoletano verrà ripercorsa la storia azzurra. La mostra sarà aperta al pubblico il 25 Giugno dalle ore 10.30 alle 19.30, lo stesso giorno alle ore 17.30 si svolgerà anche la presentazione del libro “Una storia azzurrissima” di Giuseppe Sirio Esposito, alla presenza di Alberto Bigon  allenatore azzurro all’epoca dell’ultimo scudetto del Napoli, e Mauro Gatti ex calciatore dell’epoca in cui gli azzurri vinsero la Coppa Italia pur militando in serie B (1962).

Il Napoli sarà raccontato a chilometri di distanza dalla città partenopea, segno tangibile di una storia che merita il giusto rispetto. L’evento di Padova sarà lo step giusto per presentare al meglio il progetto Napoli Supporters Trust, perché oggi, ancora di più, la società azzurra ha bisogno di persone che amano realmente il Napoli.

Potrebbe anche interessarti