Napoli, costringevano ragazzino di 11 anni a prostituirsi in strada

minorenne

NAPOLI – Un caso sconcertante di prostituzione minorile scoperto oggi a Napoli nel corso delle attività di contrasto al fenomeno. Il personale della U.O. Tutela Minori ha intercettato un ragazzino di soli 11 anni che si prostituiva nella zona adiacente alla Stazione Centrale.

Il ragazzino giungeva in zona insieme a due connazionali adolescenti e restava in strada per l’intero giorno aspettando di essere adescato da adulti in cerca di prestazioni sessuali particolari consumate in auto.

Gli Agenti della Polizia Municipale hanno condotto in ufficio il ragazzino insieme ai due soggetti con cui si accompagnava, entrambi risultati con numerosi precedenti penali a carico per reati connessi allo spaccio di stupefacenti.

Il ragazzino è stato sottratto immediatamente al suo nucleo familiare, ritenuto non idoneo ad esercitare una corretta vigilanza sullo stesso. I genitori del minore si sono infatti dichiarati all’ oscuro dell’attività del figlio e non hanno saputo fornire spiegazioni sulla conduzione di vita del ragazzo che risultava passare gran parte della giornata in giro da solo.

La Procura dei Minori ha provveduto a collocare il ragazzo in una struttura protetta dove seguirà un apposito percorso di recupero seguito da figure professionali specializzate.

Potrebbe anche interessarti