Castellammare, scontro frontale tra una moto e un’auto: un uomo è in fin di vita

incidente-scooterÈ avvenuto un terribile incidente a Castellammare di Stabia nella mattinata di domenica 15 settembre, intorno alle ore 10.30. Un uomo che era alla guida di una moto adesso si trova in fin di vita ed altri tre sono feriti.

La catastrofe si è consumata nella Galleria di Varano, su un tratto di statale sorrentina che attraversa la città di Castellammare di Stabia. La dinamica sembra essere chiara. Uno scooter ha avuto uno scontro frontale con un’autovettura, e questo impatto frontale ha generato una serie di altri incidenti con una motocicletta e altre due auto.

Il conducente della moto è stato sbalzato sull’asfalto ed è rimasto a terra, privo di sensi. Sul posto sono giunti immediatamente i vigili del fuoco, la polizia stradale e gli operatori del 118, che hanno soccorso i feriti. Alcune persone, che erano rimaste intrappolate tra le lamiere di una delle vetture, sono state estratte dagli operatori del 118 e poi trasferite al vicino ospedale San Leonardo di Castellammare di Stabia.

L’uomo che era a bordo della motocicletta, a sua volta, ha subito diversi traumi, incluse alcune fratture al bacino e a diverse altre parti del corpo. Le sue condizioni critiche hanno reso necessario il trasferimento immediato al Cardarelli di Napoli. Sono stati portati in ospedale anche altri due feriti, che però non sono in pericolo di vita.

Un’altra persona ancora, che viaggiava su di una delle vetture coinvolte, è al momento in prognosi riservata. Nel frattempo, l’incidente a Castellammare ha determinato anche la chiusura al traffico della Galleria per circa 3 ore. Tanti sono stati i disagi per gli automobilisti in un tratto di strada già alquanto trafficato, in particolare durante il fine settimana.

Anche se il pericolo di simili incidenti si registra soprattutto di notte, a quanto pare non è raro che avvengano anche di mattina. Emblematico il caso dell’auto precipitata di recente in un dirupo a Castel Volturno. Al momento attendiamo ulteriori sviluppi della vicenda.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più