Scooter contromano in Tangenziale: identificati i sette ragazzi colpevoli

La notte di sabato 12 gennaio è stata sfiorata la tragedia. Scooter hanno transitato contromano in Tangenziale nel tratto che va da Agnano a Pozzuoli tra le 2.20 e le 2.30. Adesso sono stati identificati gli autori di questo folle gesto, che avrebbero cercato di sfuggire a un controllo della Polizia Stradale.

A seguito di indagini eseguite dalla Sottosezione Autostradale della Polizia Stradale di Fuorigrotta, alle dipendenze della Sezione della Polizia Stradale di Napoli, nella giornata di ieri i centauri sono stati tutti identificati, e sanzionati per le infrazioni al Codice della Strada commesse. In particolare, si tratta di cinque minorenni e due maggiorenni.

A seguito di indagini e con l’ausilio delle immagini di videosorveglianza della società Tangenziale di Napoli S.p.A., gli investigatori avevano individuato i responsabili del gesto già dalle prime ore del mattino del giorno successivo. Non solo gli scooter procedevano contromano in Tangenziale, ma i giovani non indossavano nemmeno il casco protettivo.

LEGGI ANCHE
De Magistris: "Inaccettabile il pedaggio in Tangenziale, intervenga il Ministro"

Dalla ricostruzione degli eventi in argomento, è emerso che il gruppo di centauri percorreva l’arteria stradale in questione con direzione di marcia Pozzuoli-Vomero, diretti al quartiere collinare innanzi citato per raggiungere degli amici al bar. In seguito, i ragazzi hanno effettuato una sosta all’interno dell’area di servizio “Antica Campana Est”.

Qui due motociclisti sono entrati regolarmente percorrendo la corsia di decelerazione ed ingresso alla predetta area. Diversamente, altri due vi hanno fatto accesso effettuando un primo contromano, ovvero percorrendo in senso contrario la corsia di uscita dalla predetta area di servizio. Dopo aver effettuato rifornimento ed una breve sosta del locale bar ivi presente, i ragazzi si sono quindi immessi nuovamente in carreggiata secondo il regolare flusso di marcia.

LEGGI ANCHE
Chiude lo svincolo Corso Malta della Tangenziale di Napoli: i percorsi alternativi

Potrebbe anche interessarti