Coronavirus, in Campania arriva un numero verde: medici rispondono ai dubbi dei cittadini

coronavirus numero verde

Circa 259 morti e oltre dodicimila contagi. Due casi accertati in Italia e il primo decesso fuori dalla Cina (nelle Filippine). Il coronavirus è ormai un’emergenza globale che spaventa gli italiani. Molti infatti sono le persone che temono che il governo nasconda informazioni o reali pericoli.

Per una comunicazione diretta e immediata con i cittadini, la Regione Campania ha deciso di istituire un numero verde regionale. Chiunque potrà chiamare e ricevere risposte a dubbi o domande sul virus che ha fatto scattare lo stato d’emergenza nel nostro Paese. Il numero verde sarà attivo nei prossimi giorni  dalle ore 14.00 di mercoledì 5 febbraio. Si potrà chiamare allo 800-90-96-99 dalle ore 8 di mattina fino alle 20. A rispondere, su due turni, saranno dei medici laureati iscritti all’Albo competente di appartenenza che provengono dal corso di formazione specifica in medicina generale della Regione Campania. Il funzionamento del numero è garantito dall’Asl Napoli 1 Centro che ha diffuso con un Post su Facebook le principali informazioni sul numero che sarà possibile chiamare gratuitamente.

Ogni Asl garantirà almeno una o più postazioni e pertanto il servizio vedrà almeno nove postazioni attive contemporaneamente. Un servizio che però è limitato ai soli cittadini italiani. Infatti le informazioni saranno solo nella nostra lingua. Un modo però per garantire trasparenza e una comunicazione diretta con chi è preoccupato dall’avanzare del virus.

Per i turisti e per ricevere altre informazioni, a disposizione degli italiani c’è anche il numero di pubblica utilità messo a disposizione dal Ministero della Salute, che ha creato anche un sito con domande e risposte. Peragli operatori sanitari incaricati a rispondere è stato anche attivato uno specifico corso di formazione e aggiornamento. Questi presteranno servizio presso la sala operativa del numero 1500 per rispondere alle domande dei cittadini. Al corso hanno partecipato anche i mediatori culturali addetti a dialogare con i cittadini cinesi che si rivolgeranno al servizio.

 

Potrebbe anche interessarti