Covid, Casalnuovo dice addio a Mimmo Scala: “Aveva 55 anni, non era affetto da altre patologie”

Si registra un ulteriore decesso per Covid-19: si tratta di Mimmo Scala, addetto alle pulizie sanitario in servizio al Cardarelli e residente a Casalnuovo. A darne annuncio è il sindaco Massimo Pelliccia, ma numerosi sono i messaggi di cordoglio a lui dedicati.

Queste le sue parole: “Bandiere a mezz’asta oggi nella nostra città. Registriamo il secondo decesso di questa seconda ondata tra i malati di Covid. Si tratta di un concittadino 55enne, ricoverato in ospedale da una decina di giorni, che ha perso sua battaglia contro il maledetto virus. A nome dell’intera comunità casalnuovese esprimo alla sua famiglia le più sentite condoglianze.”

Soltanto dieci giorni fa, il primo cittadino si trovava ad annunciare un ulteriore decesso. A perdere la vita, un 53enne del posto, affetto da Covid-19 e ricoverato in ospedale da una setti.

“Anche questa brutta notizia è arrivata. Purtroppo ieri nel tardo pomeriggio un addetto alle pulizie presso il Cardarelli è morto preso da questo maledetto virus. Aveva 55 anni e non aveva patologie. Si è aggravato ed è morto nell’indifferenza di un settore dove in molti continuano a speculare e si arricchiscono. Stracciano tutele e diritti e mettono a rischio la vita di un padre di famiglia per 1000 euro al mese!” – scrive Guglielmo Mastrogiovanni.

“Sono dispiaciuto, inca***to, indignato. Io che tutti i giorni vedo la paura negli occhi di queste persone che non possono tirarsi indietro. C’è bisogno di regole certe che intervengano in questa giungla di sigle sindacali fatta di molti faccendieri che speculano e vivono sulla miseria e sulla vita delle persone.”

“La vita e la salute non hanno prezzo, è morto uno di noi per fare il suo lavoro. Io non lo conoscevo ma è come se lo conoscessi. Ha la faccia di migliaia di lavoratori di questo settore” – conclude.

Il decesso, causato dal Covid-19, di Mimmo Scala, dunque, ha sconvolto l’intera cittadinanza e non solo. Intanto, continuano le proteste per le restrizioni imposte dal nuovo Dpcm.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più