Marano, autista Anm aggredito da 2 ragazzi che fumavano sull’autobus

aggressione autista anm
Immagine di repertorio

Ieri nel Napoletano si è verificato l’ennesimo aggressione ai danni di un autista Anm. Il tutto è successo nella mattinata di martedì a Marano quando due giovani hanno avuto uno scontro con il lavoratore dell’azienda di mobilità. I due giovani sono saliti sull’autobus – linea 162 – senza mascherina. Il conducente li ha redarguiti, facendo loro indossare la protezione anti covid. Nel corso dell’itinerario del bus però, nella zona di Chiaiano, i due si sono nuovamente tolti la mascherina e hanno iniziato a fumare a bordo del bus.

Anm – cambiano gli orari della Linea 1

A quel punto l’autista ha fermato il mezzo per redarguirli nuovamente e ne è nato un alterco anche fisico con i due. Dopo poco sono arrivati sul posto i Carabinieri che hanno verificato la mancanza di autocertificazione dei due giovani, che hanno tra i 18 e 19 anni, identificandoli. L’autista ma anche i due giovani sono stati poi portati in ospedale per controlli.

Comportamenti inaccettabili condannati da tutti gli addetti ai lavori, in primis l’Amministratore Unico Anm Nicola Pascale e l’Assessore ai Trasporti di Napoli Marco Gaudini.

È inaccettabile – sottolinea Pascale – quanto avvenuto a un nostro autista della linea 162, solo per aver chiesto a due passeggeri di indossare la mascherina e tenere un comportamento consono sul mezzo pubblico. Esprimo a nome dell’azienda vicinanza e solidarietà al nostro autista“.

Purtroppo registriamo l’ennesima aggressione ai danni del personale di ANM – ha dichiarato Gaudini. Un’aggressione che si consuma ancora una volta per il semplice fatto che il personale in servizio chiede il rispetto delle norme anti-Covid a tutela di tutti. Tale situazione non può più essere tollerata e pertanto chiederò formalmente di intensificare i controlli delle Forze dell’ordine sui mezzi del trasporto pubblico, a garanzia degli utenti e del personale. Desidero ringraziare tutti i lavoratori dell’Azienda di Trasporto, che ogni giorni con dedizione e sacrificio operano per garantire un servizio essenziale, ancor di più in questo momento difficile, ed esprimo la mia vicinanza all’autista aggredito, sicuro che le autorità preposte faranno piena luce sull’accaduto“.

Potrebbe anche interessarti