Carla Fracci è morta: l’etoile che amava Napoli e il San Carlo

Carla Fracci è morta. Si trova a Milano, in gravi condizioni, quando purtroppo è deceduta. La danzatrice voleva mantenere riservato il suo stato di salute, per cui non si è saputo nulla fino alla tragica notizia. Tutto il mondo è addolorato per lei. Lei, oggetto di una poesia di Montale che la descriveva come la danzatrice stanca durante la gravidanza. Tra le più grandi interpreti al mondo del celebre balletto Giselle, ha ormai 84 anni. Di recente aveva partecipato alla messa in scena di Giselle, in streaming dal Teatro alla Scala. Nonostante Milano abbia rappresentato il punto di partenza della sua carriera, il suo rapporto con la città di Napoli era sicuramente autentico. La Fracci ha festeggiato i suoi 80 anni proprio nel Foyer del Teatro San Carlo. Il teatro l’aveva ricambiata con un galà di danza a lei dedicato, nell’ottobre del 2016.

Carla Fracci ed il legame con Napoli

Parlo del San Carlo e ripercorro la storia della mia carriera e rinsaldo il legame con il teatro e la città. La cosa che mi piace di più di Napoli è che quando arrivo ritrovo vecchi e cari amici, dall’usciere al tecnico, persone che come me a teatro hanno trascorso la vita. E il loro “Ciao Carla”, semplice, diretto, fraterno, mi riempie il cuore. Quel “Ciao” è come dire: “Grazie per quello che ci hai dato, non abbiamo dimenticato”. E non c’è miglior regalo per i miei 80anni che sentirmi gratificata per quello che ho dato e che posso ancora dare. Questa emozione mi ripaga e genera nuova emozione. Questa emozione è Napoli per me. Questo un piccolo estratto di un’intervista alla ballerina realizzata nel 2016 da Repubblica. Il sodalizio con la città ebbe inizio con l’interpretazione di grandi coreografie. Al San Carlo aveva ballato la sua Giulietta, leggera ed inconfondibile. Ma anche Margherita nella Dama delle Camelie.

L’omaggio realizzato per lei da Giuseppe Picone, l’allora direttore del corpo di ballo, pare essere simbolo di grande gratitudine. La ballerina e suo marito avevano infatti contribuito alla sua fama.

​“La più grande. Divina ed eterna. Piena di amore per la danza, di nuovi progetti, di idee per tutta la vita, con l’entusiasmo di una ventenne. L’Italia della cultura ti sarà grata per sempre, immensa Carla Fracci”. Lo dichiara il Ministro della Cultura Dario Franceschini

Potrebbe anche interessarti