MESSAGGIO POLITICO ELETTORALE

Disastro in Calabria, brucia tutta la regione: 2 morti. Rischiano le faggete Unesco

incendi calabriaBrucia da giorni la Calabria, dove sono attivi attualmente ben 110 roghi. Drammatiche sono le notizie che provengono dalla regione: i territori più colpiti sono quelli delle province di Reggio Calabria e Catanzaro, ma a rischio è anche l’Aspromonte con le sue faggete patrimonio Unesco. Al momento il fuoco non le ha coinvolte, ma le fiamme sono molto vicine ed il pericolo è estremamente attuale.

Due persone sono morte. Si tratta di Mario Zavaglia, 77 anni, deceduto mentre cercava di salvare il ricovero degli animali nei suoi campi a Grotteria; l’altra vittima era di Cardeto e aveva 79 anni, anch’egli stava cercando di mettere in salvo le proprietà. Ieri sera sono state evacuate le famiglie di Grotteria e San Giovanni di Gerace, insieme ad alcuni nucleo di Cardeto e nell’area greco-calabra.

Impossibile fronteggiare da sola gli incendi: i Vigili del Fuoco non riescono a spegnere i focolai di un’area tanto vasta, mentre a vigilare sulla loro prevenzione non esiste più il Corpo Forestale dello Stato, soppresso nel 2017 dal Governo Renzi per mere ragioni di propaganda. In queste ore stanno giungendo i rinforzi dalle altre regioni italiane: Lazio, Lombardia, Toscana, Marche, Veneto, Emilia Romagna.

L’origine degli incendi è sicuramente dolosa, il fuoco è inoltre alimentato dalle condizioni climatiche estreme di questi giorni con l’ondata di calore più intensa dell’estate, l’anticiclone Lucifero, che ha fatto segnare in Sicilia la più alta temperatura mai registrata in Europa: 48,8 gradi.

Potrebbe anche interessarti