Dipendente Asl morto di covid, il dolore dei colleghi: “Un angelo in più nel paradiso”

Il covid miete un’altra vittima a San Giuseppe Vesuviano: si tratta di Angelo Serpico, dipendente dell’Asl Napoli 3 Sud morto a causa delle complicazioni sorte a seguito della positività al virus. A dare notizia del decesso è stato il sindaco Vincenzo Catapano.

Covid, Angelo Serpico morto: era dipendente dell’Asl Napoli 3

Queste le parole del primo cittadino: “Cari amici, mi è stato comunicato un ulteriore decesso per covid nella nostra città. Si tratta di Angelo Serpico, dipendente da oltre 30 anni dell’Asl Napoli 3 Sud, di anni 60, che lascia moglie e due figlie al cui dolore ci uniamo e che stringiamo in un abbraccio”.

Sulla stessa scia la Fials di Castellammare: “La Fials Napoli 3 piange l’immatura e improvvisa scomparsa del suo dirigente sindacale e delegato Rsu Angelo Serpico”. In molti, amici e colleghi, hanno affidato il loro dolore ai social come Eduardo che scrive: “Addio Angelo, amico speciale, collaboratore insostituibile, umile, perbene, simpaticissimo. Lavorare con te era un vero piacere”.

“La vita davvero è un viaggio che ha un inizio e una fine. Nel mezzo ci trovi il vissuto che lasciamo alla storia della nostra vita. Buon viaggio caro collega Angelo Serpico. Oggi il Paradiso avrà un Angelo in più” – continua Alfonso. A lui si associa Angela: “Siamo cresciuti insieme ma purtroppo questo brutto covid ti ha portato via. Quando ci incontravamo ci facevamo delle parlate infinite. Vicini di casa, giochi di infanzia, per me eri un cugino acquisito. Buon viaggio Angelo”.

Intanto cresce la curva dei contagi così come confermato dal sindaco Catapano. Un andamento che si riflette sull’intero territorio regionale e nazionale, spingendo il Governo a ipotizzare un’ulteriore proroga dello stato di emergenza.

Potrebbe anche interessarti