Morto dopo una brusca frenata del bus ANM: maxi risarcimento di 570mila euro alla famiglia

risarcimento anmNapoli Maxi risarcimento di 570mila euro ai familiari di un anziano di 84 anni, morto per le complicazioni sorte dopo la frattura al femore occorsa in seguito ad una brusca frenata di un autista dell’Anm. A raccontare la storia dell’indennizzo è lo Studio Associati Maior, che si è occupata del caso dopo.

I legali spiegano: “Lo Studio ha assistito i congiunti del sig. C. L. che, mentre viaggiava a bordo di un autobus ANM, cadeva lesionandosi il femore a seguito di una brusca frenata dell’autista. Dopo cinque giorni in ospedale decedeva a causa di complicanze connesse alla frattura al femore. In un primo momento è stata liquidata la figlia del malcapitato per 200.000,00 euro. Successivamente hanno agito le nipoti da parte della figlia, le quali hanno ricevuto l’una 50.000,00 euro, in quanto convivente con il nonno, e l’altra 30.000,00 euro”.

“In seguito – continuano – è stato liquidato il figlio secondogenito di C.L. che ha ottenuto 220.000,00 euro, avendo agito anche per la quota risarcitoria spettante alla madre, moglie del ‘de cuius’, a sua volta deceduta a distanza di due mesi dalla morte del marito. Infine, lo stesso secondogenito di C.L. ha azionato la pretesa anche per conto dei propri figli, nipoti del defunto, i quali hanno ceduto il proprio credito risarcitorio al padre perché agisse in loro vece. La liquidazione stavolta è ammontata a 70.000,00 euro complessivi”.

“Risultati come questo danno senso a tutto il lavoro sviluppato in difesa dei nostri clienti. Riuscire a sostenere e a dimostrare la nostra tesi e veder accordato un risarcimento di tali dimensioni è entusiasmante, perché ripaga di tutto l’impegno profuso – affermano i tre avvocati, parte del team che si occupa di difesa congiunta in sede civile e penale – La giurisprudenza ha un valore altissimo, presupposto delle libertà della persona. Per noi significa tutelare i nostri clienti e chi ci dà fiducia. È un lavoro che svolgiamo con profonda dedizione e senso di missione”.

Potrebbe anche interessarti