Follia nel Napoletano: la compagna lo lascia e lui cerca di ucciderla sparandole

Viene lasciato dalla sua compagna e lui, in tutta risposta, tenta di ucciderla sparandole contro con una pistola. È successo lo scorso 25 marzo a Marano di Napoli e, dopo quasi due settimana di fuga, l’uomo si è costituito presso il comando dei carabinieri di Marano.

Nell’ambito di indagini dirette dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli Nord, personale del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Marano di Napoli, nel pomeriggio di ieri, 6 aprile 2022, ha dato esecuzione a un’ordinanza impositiva della misura cautelare della custodia in carcere, emessa dal Giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Napoli Nord, nei confronti di un trentacinquenne di Napoli, raggiunto da gravi indizi di colpevolezza, in ordine a un tentato omicidio con arma da fuoco, in data 25 Marzo 2022, in danno della sua ex convivente.

L’uomo, in crisi relazionale con l’ex compagna, si recava sotto la sua abitazione a bordo di uno scooter trasportato da un complice ed esplodeva un colpo all’indirizzo della donna colpendo però un’imposta dell’abitato mentre la vittima scivolava a terra. Le immagini acquisite dai sistemi di video sorveglianza presenti sul luogo dei fatti, le dichiarazioni assunte dalla parte offesa e dai familiari, unitamente all’attività tecnica d’indagine successiva, consentivano di risalire all’odierno indagato quale soggetto gravemente indiziato dell’efferato reato, oltre che del delitto di maltrattamenti in famiglia ai danni della giovane donna.

Dopo essersi sottratto alla cattura per diversi giorni, l’indagato, per effetto della pressione subita per le incessanti ricerche, si costituiva nella giornata di ieri presso l’Arma di Marano di Napoli, ora in attesa dell’interrogatorio di garanzia presso la Casa Circondariale di Poggioreale.

Potrebbe anche interessarti