Rapina in pizzeria a Casavatore, preso il terzo bandito: è il 23enne che impugnava il fucile

E’ stato individuato dai carabinieri il terzo rapinatore della banda che la sera dello scorso 9 ottobre fecero irruzione all’interno della pizzeria ‘Un posto al Sole’ di Casavatore finendo per rapinare ttolari e clienti, arrivando a puntare le armi anche contro i bambini.

Individuato il terzo rapinatore della pizzeria a Casavatore

Nel pomeriggio di ieri, al termine di un’articolata indagine diretta dalla Procura di Napoli Nord, i Carabinieri della Compagnia di Casoria e della stazione di Casavatore hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Tribunale di Napoli Nord, nei confronti di un 23enne napoletano. Si tratta dell’uomo che impugnava il fucile a canne mozze durante la rapina al locale di Casavatore.

I rapinatori, incuranti della presenza dei minori, avevano seminato il panico tra i commensali puntando le armi persino contro un bambino di 3 anni. Il video, recuperato dalle telecamere di videosorveglianza, aveva fatto il giro del web indignando l’intera cittadinanza.

Con l’avvio delle indagini era stato emesso un decreto di fermo nei confronti di tre soggetti. Due di questi sono già stati condannati in primo grado rispettivamente a dieci e otto anni di reclusione. Le indagini sono proseguite per l’identificazione del terzo rapinatore, rimasto ignoto, che si era introdotto all’interno del ristorante con il fucile sovrapposto a canne mozze.

Grazie ad ulteriori approfondimenti investigativi, attraverso intercettazioni telefoniche, analisi dei tabulati telefonici e dei sistemi di videosorveglianza, oltre ad accertamenti tecnici finalizzati ad esaltarne le caratteristiche fisiche, il terzo soggetto è stato individuato. I militari dell’arma hanno raggiunto il domicilio dell’odierno arrestato e sono riusciti a rinvenire gli indumenti indossati al momento dell’evento delittuoso.

Potrebbe anche interessarti