Stop al traffico anche domani. Per l’Arpac è allarme inquinamento

centralina

Ancora brutte notizie per i cittadini del capoluogo campano. Dopo lo stop del traffico di oggi nella città di Napoli, domani si bissa. Il divieto scatta dalle 15 alle 20.

La motivazione è sempre la stessa: il superamento del massimo quantitativo previsto dalla legge di Pm10 nell’aria. Dato rilevato da almeno due centraline nella città partenopea, per almeno due giorni di seguito, in aggiunta alle condizioni metereologiche favorevoli all’accumulo delle particelle inquinanti.

Con molta probabilità se la situazione rimane così, non si escludono altri stop. I dati allarmanti, comunicano l’Arpac, sono stati riscontrati lo scorso martedì e mercoledì in almeno 5 centraline di rilevamento della città ed anche a causa della condizioni meteo, si rende necessario lo stop.

Inoltre è necessario che gli impianti di riscaldano, mai accesi per più di 9 ore,  siano impostati al massimo sui 18 gradi negli edifici civili, escluso, scuole, ospedali ed edifici di pubblica utilità e 17 gradi negli edifici industriali.

Potrebbe anche interessarti