Pubblicità Telecom: Basta al solito stereotipo napoletano!

telecom

I protagonisti dei nuovi spot della Telecom che vanno in onda dalla fine di agosto dello scorso anno sono Chiara Galiazzo, vincitrice della sesta edizione di X-Factor e un certo Gennaro, che ha fatto la sua prima comparsa nello spot con questa frase: “Scusate, se alzate un poco il volume, perché mi dicono che a Napoli non si sente ancora tanto bene”.

Galiazzo interpreta un padovana che inizia la sua avventura prendendo casa con altre studentesse, mentre Gennaro è invece l’inquilino del piano superiore che però, raffigura il classico stereotipo napoletano degli anni ’50, emigrato da Napoli in chissà quale città del settentrione e altamente ignorante.

L’attore in questione è di Ascoli e ha raccontato di essersi ispirato per l’imbarazzante parte di Gennaro ad Edoardo De Filippo. Il problema è che non è possibile che la Telecom abbia scelto per i suoi spot un personaggio che possa diffamare così tanto i napoletani regalando agli spettatori di tutta Italia un’immagine distorta, goffa e antica di almeno mezzo secolo della nostra società.

Perchè non scegliere grandi personaggi napoletani come Federico Salvatore, Enzo Avitabile o Roberto De Simone?

In questo modo chi ha avuto la grandissima idea di proporre un personaggio come Gennaro, forse scelto per strappare qualche risata a chi continua ad avere in mente questo stereotipo partenopeo, ha solo trovato tanti napoletani stufi di questa immagine che in molti continuano ad imporre e delle continue offese gratuite.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più