Video. Che fine fanno i miliardi per le ferrovie del Nord? Sfasciati dai teppisti

Le ferrovie del Nord

Il decreto Sblocca Italia ha destinato soltanto il 19% degli investimenti al Sud, e di quelli per le ferrovie più del 98% è andato da Firenze in su, perché tanto al Sud abbiamo l’Alta Velocità, tantissimi treni nuovi, puntuali, puliti, frequenti. Non che al Settentrione la situazione sia da Paese civile, intendiamoci, però in un mondo di ciechi chi ha un occhio solo è re. Ma che fine fanno tutti quei soldi? Vediamo.

In questo video pubblicato da Il Mattino e segnalatomi da Vincenzo Serio, possiamo vedere alcuni ragazzini, i quali parlano con accento settentrionale, sfasciare una nuovissima carrozza di Trenord, che fa parte di Trenitalia e opera nella regione Lombardia. “Il tutto è successo martedì sul tratto fra Milano e Laveno sotto gli occhi esterrefatti di altri pendolari” scrive il quotidiano, e infatti si sentono i commenti negativi sia della persone che riprende il tutto, sia di un’altra donna.

A quanto equivale il risalto nazionale dato alla notizia? A zero, né la RAI, né Mediaset, né La7 hanno mostrato il video, e neanche Le Iene o Striscia la Notizia; dove sono gli speciali televisivi in prima serata con sociologi, criminologi, educatori, “opinionisti” e quant’altro? Gli stessi lombardi, invece, hanno ammesso che se l’episodio si fosse verificato a Napoli sarebbe stata diversa l’eco mediatica: non godo certamente nell’assistere a scene di questo genere, ovunque accadano, né voglio affermare che qualcuno è peggiore o migliore di qualcun altro (perché è sufficiente guardare il video per accorgerci che siamo tutti uguali) però farebbe piacere ricevere un trattamento pari a quello degli altri. E adesso? Adesso speriamo che il vagone sfasciato non lo mandino in qualche regione del Sud o delle isole, come si fa sempre quando ne sono acquistati nuovi: i nuovi dai soliti noti, i vecchi sempre qua.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più