Reddito di cittadinanza a Napoli, alcuni cittadini: “Chi lavora in nero l’ha già preso”

Numerose ogni giorno sono le persone che si affollano presso gli uffici Inps delle città italiane per chiedere informazioni sul reddito di cittadinanza, per ritirare le card e per protestare in merito.

Il servizio di «Quarta Repubblica» andato in onda su Rete 4 lo scorso lunedì, ha evidenziato, grazie agli ospiti presenti in studio, come Napoli sia la città con il numero più alto di richiedenti.

Emergono dati scioccanti sul numero di coloro che ne hanno veramente diritto e sopratutto sul numero di furbetti che provano ad averlo usando molteplici scappatoie. Tanti i lavoratori a nero che ne avrebbero bisogno ma non posso ottenerlo perché, se fanno domanda, sono minacciati dal datore di lavoro: «Il capo non vuole che lavoriamo se facciamo la domanda», queste sono le parole di un cameriere che guadagna pochi euro ed è costretto a rinunciare all’aiuto dello Stato.

Tanti altri invece che attraverso raggiri e macchinazioni di vario tipo, pur lavorando illegalmente, riescono non si sa precisamente come, ad averlo nelle loro tasche. Si tratta di denunce di cui bisogna dimostrare la veridicità, un compito cui le forze dell’ordine sono chiamate a svolgere il prima possibile.

Cliccare qui per guardare il servizio.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più