Sostituzione infissi nell’anno 2020: chi ha diritto alle detrazioni

Anche per il 2020, la Manovra di Bilancio ha confermato aiuti economici per chi voglia implementare interventi di efficientamento energetico all’interno della propria abitazione. Stiamo parlando delle misure previste per il c. d. Ecobonus. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta.

I requisiti necessari 

Come prima cosa, bisogna sapere che l’installazione degli infissi deve essere compresa in un lavoro di sostituzione e/o di modifica degli infissi preesistenti. Inoltre i nuovi infissi devono garantire un livello di trasmittenza termica inferiore a quella degli infissi precedenti. Anche l’immobile oggetto dell’intervento deve possedere alcuni requisiti. Infatti le spese per la sostituzione degli infissi sono detraibili solo se l’immobile risulti accatastato, abbia un impianto di riscaldamento e ci sia una situazione di regolarità con i tributi.

L’agevolazione

Anche per il 2020 la detrazione spettante per la sostituzione degli infissi è stata fissata nella misura del 50% della spesa sostenuta che non deve eccedere l’importo di 60.000 euro. La detrazione spettante verrà suddivisa in dieci rate annuali e sarà riportata dal contribuente nel modello 730.  Ulteriore requisito per poter beneficiare dell’agevolazione, è aver eseguito i pagamenti in maniera corretta. Orbene, dalle distinte dei pagamenti devono necessariamente risultare : la causale del versamento, il codice fiscale del contribuente che beneficerà della detrazione, il codice fiscale e/o la partita iva dell’azienda installatrice. Infine, quando i lavori di manutenzione saranno ultimati, sarà necessario inviare tutta la documentazione inerente l’intervento all’Enea entro 90 giorni dalla chiusura del lavori.

 

Potrebbe anche interessarti