Cuori e fotomontaggi in paradiso: su TikTok gli omaggi per il boss Cosimo Di Lauro

cosimo di lauro video omaggioPost di dolore e soprattutto di apprezzamento su Cosimo Di Lauro, il boss dell’Alleanza di Secondigliano trovato morto due giorni all’interno della sua cella nel carcere di Opera dove era detenuto in regime di 41bis. È ancora una volta su TikTok che circolano video ideati per omaggiare personaggi della malavita, che siano di spicco o meno. Dai capi all’ultimo anello dei diversi clan, tutti vengono “omaggiati” anche se quando si tratta degli elementi principali i post si moltiplicano. È successo per Cosimo Di Lauro così come per Raffaele Cutolo, che continua a essere osannato anche a mesi di distanza dalla morte. È molto amaro vedere Cosimo ritratto alle porte del paradiso, specialmente alla luce delle dichiarazioni di un pentito che parlò della contentezza del boss anche quando degli innocenti venivano uccisi per errore: “Più persone si uccidevano più Cosimo era contento”, queste le sue parole.

LEGGI ANCHE – Ululava di notte e fumava 100 sigarette al giorno: il delirio di Cosimo Di Lauro

Una cultura della malavita che senza dubbio appartiene ad una fascia della popolazione, ma che altrettanto senza dubbio viene alimentata ed in qualche caso addirittura generata da produzioni televisive e cinematografiche. È il caso, ad esempio, di una nota serie TV i cui personaggi sono non solo ispirati ai boss più violenti e sanguinari della camorra, ma che nel corso delle stagioni vengono dipinti in modo tale che gli spettatori solidarizzino, perfino, con essi, fino al punto da essere percepiti come modello.

Camorristi sanguinari assurti a modello

I tipici anti eroi vengono dunque travisati e comunicati come eroi a causa di evidenti, a nostro avviso, deficienze nel modo di raccontare la trama. Non solo, si opera una continua mescolanza di fantasia ed eventi ispirati (se non copiati) a fatti reali con il risultato di dare una sorta di giustificazione a quelle brutalità.

Se coniughiamo tutto questo alle note mancanze educative ed all’abbandono, da parte delle istituzioni, di una larga fetta di cittadini alla sub cultura ed alla mentalità criminale, è scontato ritrovarsi davanti a video ed omaggi del genere.

Potrebbe anche interessarti