Luca Zingaretti: “Inglese? Presto dovremo imparare il napoletano. Nessun posto è come Napoli”

luca-zingaretti

Reduce dal successo ottenuto con lo spettacolo “The Pride”, andato in scena al Teatro Bellini dal 16 al 28 febbraio, Luca Zingaretti sembra ancora più innamorato di Napoli. In un’intervista rilasciata a Fanpage, l’attore romano si è soffermato sulla bellezza del capoluogo campano: “Sembra una terra mitologica con il Vesuvio che impervia da una parte e crateri, isole, golfi che si estendono verso nord. Questa forza, quasi violenza, della natura crea una miscela esplosiva”. La bellezza del territorio è, secondo l’attore che interpreta Montalbano, uno degli elementi che favoriscono la nascita di eccellenze artistiche tutte made in Naples: “In questa città vi sono tante contraddizioni e sofferenze, ma credo che i problemi, uniti alla meraviglia naturalistica, diano vita a qualcosa di speciale. In definitiva cos’è l’arte? Il bisogno di esprimersi quando manca qualcosa. È sempre frutto di una mancanza”.

Zingaretti si sofferma in particolare anche sul regista Paolo Sorrentino, autore del Premio Oscar “La grande bellezza”, definendolo “il più grande talento che sia nato in Italia da cento anni a questa parte”. E aggiunge: “Sarà un caso che sia nato nel capoluogo campano? Qui siamo difronte a un’invasione di artisti partenopei. Altro che inglese, a breve toccherà imparare il napoletano”. E forse l’attore ne conosce già qualche parola grazie alla bellissima moglie partenopea Luisa Ranieri.

Potrebbe anche interessarti