Napoli da vedere: il Parco della Tomba di Virgilio (e Giacomo Leopardi)

Parco della tomba di Virgilio

Come tutti sanno o dovrebbero sapere, Napoli non è soltanto sole e mare, ma è anche e soprattutto storia e arte. Sin dal Medioevo, con l’arrivo degli Angioini che fecero di Napoli una capitale, la città è un importantissimo polo culturale e ancora oggi è considerata la capitale italiana della cultura, nonostante purtroppo questo aspetto passi quasi sempre inosservato. Grandi letterati sono passati per questa città e l’ hanno amata, tra i tanti possiamo ricordare Petrarca, Boccaccio (che incontrò Fiammetta proprio a Napoli in San Lorenzo Maggiore), San Tommaso d’Aquino, Giambattista Vico, Benedetto Croce, Giacomo Leopardi e tanti altri, oltre al poeta Virgilio, la cui sepoltura è situata proprio nel Parco Vergiliano a Piedigrotta, anche conosciuto come “Parco della Tomba di Virgilio”.

Il Parco Vergiliano a Piedigrotta, diverso dal Parco Virgiliano di Posillipo, è un luogo permeato di storia, cultura, arte e leggende. Si trova ai piedi del costone di Posillipo e accoglieva le spoglie di Virgilio, purtroppo andate disperse in epoca medievale, all’interno di un colombario che è una costruzione funebre assai diffusa in età romana e avente questo nome per le molte nicchie in esso contenute. Il colombario è situato nel punto più alto del parco vicino all’apertura della Crypta Neapolitana, una grotta lunga poco più di 700 metri scavata all’interno della collina di Posillipo e che aveva la funzione di collegare velocemente Neapolis a Pozzuoli. A Virgilio erano attribuiti grandi poteri magici e secondo una leggenda la galleria fu aperta dal poeta latino in una sola notte, ma in realtà oggi sappiamo che fu costruita in età romana dall’architetto Cocceio. È anche interessante aggiungere che sempre secondo le leggende Virgilio fece vari incantesimi a protezione di Napoli, al punto che in età medievale il poeta era considerato il patrono della città dai suoi abitanti.

Colombario di Virgilio
Colombario di Virgilio

Insomma, tutti i cittadini di Napoli e tutti i suoi visitatori dovrebbero visitare questo posto per entrare in contatto diretto con la tre volte millenaria storia partenopea. Scendendo troviamo un altro monumento molto importante, che è la tomba di Giacomo Leopardi. Leopardi morì a Napoli in un periodo in cui vi era una epidemia di colera in virtù della quale le spoglie dei defunti venivano gettate in fosse comuni, ma Antonio Ranieri, colui che lo ospitò a Napoli, fece interessare della questione il ministro della Polizia e ottenne che le spoglie fossero inumate a Fuorigrotta nella chiesa di San Vitale; le spoglie poi nel 1939 furono trasportate a Mergellina in questo parco dove sopra la tomba fu posto un altare su cui è inciso il nome del poeta. La tomba di Leopardi è monumento nazionale.

Il parco si trova poco distante dalla stazione ferroviaria di Mergellina (collegata alla Linea 2 e alla Linea 6) che si può raggiungere dalla stazione ferroviaria di Piazza Garibaldi utilizzando la Linea 2 in direzione Campi Flegrei. Una volta usciti dalla stazione, che si trova presso un incrocio stradale, bisogna dirigersi verso destra nella strada Salita della Grotta e camminare per circa trenta metri costeggiando la Chiesa di Santa Maria di Piedigrotta: l’ ingresso è situato circa venti metri prima dell’ ingresso della galleria Quattro Giornate, sulla sinistra della strada. Altre informazioni sui trasporti pubblici si possono trovare sul sito dell’ ANM e sul sito del Comune di Napoli. Il Parco Vergiliano è aperto tutti i giorni dalle 9 fino a un’ ora prima del tramonto, eccetto i giorni di Natale, Capodanno, Pasqua e il Primo Maggio quando invece resta chiuso; l’ entrata è gratuita.

Tomba di Giacomo Leopardi
Tomba di Giacomo Leopardi

Potrebbe anche interessarti