Crollano pezzi di soffitto in classe. Critiche a De Magistris: “Non basta l’allerta meteo”

Istituto superiore Iti Medi a San Giorgio a Cremano

La chiusura delle scuole per due giorni da parte di Luigi De Magistris a causa dell’allerta meteo, ha suscitato molte critiche da parte dei genitori, molti dei quali ritengono che se si fosse fatta una buona manutenzione agli edifici quando il tempo ancora lo consentiva, oggi non bisognerebbe ricorrere alla chiusura delle scuole per motivi di sicurezza. C’è anche chi ha ironizzato sul lavoro delle insegnanti, dicendo che grazie a queste ordinanze speciali, avrebbero più vacanze.

Questo ha scatenato l’ira di una insegnante di Secondigliano che ha scritto un post su Facebook in sua difesa, dicendo che le scuole a Napoli non sono sicure, motivo per cui, quando c’è il maltempo le scuole devono essere chiuse per sicurezza. Ha poi illustrato che la condizione strutturale degli istituti scolastici della città dovrebbe essere un fatto grave e che, secondo lei nessun altro ufficio pubblico si trova in simili condizioni.

A causa del degrado degli istituti, aggravato dal maltempo, ieri in una classe dell’istituto superiore Iti Medi a San Giorgio a Cremano è crollato un pezzo di muro su dei banchi e su delle sedie. Per fortuna non ci sono stati danni a persone ma l’episodio ha scosso alunni e insegnanti.

“Alcuni ragazzi che frequentano l’ITI Medi di San Giorgio a Cremano mi hanno inviato immagini relative ad allagamenti in alcune zone della loro scuola e di un pannello di polistirolo della controsoffittatura caduto, sembrerebbe, in una classe”, afferma Giorgio Zinno, il sindaco di San Giorgio a Cremano in un post su Facebook.

“Ho scritto e chiamato immediatamente i responsabili della manutenzione della Città Metropolitana di Napoli – prosegue- proprietaria delle scuole superiori (Scotellaro- ITI Medi- Carlo Urbani) per far effettuare un immediato intervento e dare riscontro rispetto alla sicurezza dei luoghi per alunni e docenti.

“Ho sentito anche la Dirigente Scolastica Dott.ssa Nunzia Muto che mi ha assicurato, che nell’attesa degli interventi che la Città Metropolitana di Napoli dovrà effettuare, i ragazzi sono stati collocati in maniera da non creare alcuna difficoltà o pericolo e ne darà a breve comunicazione tramite il sito della scuola. Comunque seguirò insieme alla dirigente scolastica l’iter per far si che chi preposto intervenga velocemente chiedendo anche al Sindaco della Città Metropolitana di Napoli Luigi De Magistris di compulsare i suoi uffici perchè ciò avvenga con la giusta celerità”.

Numerose sono state poi le proteste da parte dei genitori che hanno da subito criticato le pessime condizioni in cui si trovano molte scuole. Anche gli studenti protestano per la mancata allerta meteo alle scuole locali e per il crollo di alcuni pannelli del soffitto in una classe.

Istituto superiore Iti Medi a San Giorgio a Cremano

Un caso analogo è avvenuto a Sant’Antimo, nell’Istituto Superiore Tecnico Statale “Giuseppe Moscati” dove sono stati trovati pezzi di soffitto a terra in una classe e nei corridoi a causa del maltempo. La denuncia è arrivata da parte del consigliere regionale di Forza Italia Flora Beneduce che afferma: Non basta proclamare l’allerta meteo, serve un programma di manutenzione certosino e costante, in grado di mettere in sicurezza i nostri ragazzi e garantire l’agibilità delle scuole”.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più