Campania, nuova ipotesi: lockdown nelle province di Napoli e Caserta

esercito stazione napoli centraleSi attende nella giornata di oggi la decisione in merito alla Campania. La regione è rientrata a sorpresa nella zona gialla sulla base dei dati ricevuti dal Governo, nonostante il presidente De Luca avesse chiesto addirittura un lockdown nazionale. Se per cinque regioni – Abruzzo, Umbria, Basilicata, Toscana e Liguria – è già avvenuto il passato da gialla ad arancione, il discorso sembra essere più complesso per la Campania.

Ipotesi lockdown a Napoli e Caserta

I fattori da valutare con attenzione sono non solo l’Rt, ovvero l’indice di contagiosità, ma soprattutto i numeri sui posti letto disponibili in degenza ordinaria e le terapie intensive, dove si deve fare una distinzione tra posti disponibili e quelli attivabili. Il nodo è rappresentato dalla mancanza di personale medico, in particolare gli anestesisti, figure che non possono essere sostituite.

La situazione è diversa inoltre tra le varie province, con quelle di Napoli e Caserta a registrare le vere criticità. Qui l’attività di screening fa emergere che un tampone su quattro, ossia il 25%, risulta positivo. Il dato nazionale è stabile intorno al 17%.  Dati oltre le soglie anche sull’occupazione dei posti letto covid ordinari, 57,5% contro il 40%, e delle terapie intensive, 31,5% contro il 30%. Gli indicatori potrebbero quindi far scattare la zona rossa solamente nelle due province, mentre il resto della Campania potrebbe rimanere in zona gialla.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più