Dati ARPAC 2017. Portici balneabile su tutta la costa: una spiaggia è “Eccellente”

associazione aurora
Foto di Associazione Aurora, spiaggia libera Mortelle

Portici – Le belle giornate fatte di sole, mare e relax in spiaggia sono ormai alle porte. E’ veramente necessario trascorrerle in qualche lontano luogo di villeggiatura o il nostro mare può offrire gli stessi piaceri e la stessa sicurezza? Secondo le analisi dell’ARPAC effettuati lungo le coste della Campania gran parte del nostro tratto di mare è salubre ed assolutamente balneabile. Delle tre zone classificate “litorali” del Comune di Portici nessuna ha ottenuto una classificazione negativa o mediocre, ma vediamo più nello specifico la situazione.

Ovviamente, in questa analisi è da escludere il tratto di costa immediatamente nelle vicinanze del porto del Granatello, del Comune di Ercolano, dato che gli scarichi portuali sono sempre e comunque nocivi.

Nelle vicinanze del porto, esattamente fra Portici ed Ercolano, troviamo la famosissima spiaggia libera Mortelle. I dati ARPAC definiscono l’acqua del posto come “buona” e ne garantiscono l’assoluta salubrità. Questo litorale è caratterizzato da spiaggia sabbiosa inserita tra due scogliere di massi a protezione della linea di costa. E’ proprio questa barriera naturale a difendere la zona dai flussi provenienti dal Granatello. E’ dal 2013 che la spiaggia Mortelle è definita “buona” da tali studi.

“Buona” anche l’acqua della spiaggia a lato della villa d’Elboeuf. Sempre a ridosso del Granatello, ma dal lato opposto rispetto alle Mortelle, il litorale ha la stessa conformazione atta a difenderlo dagli scarichi portuali: è caratterizzato da spiaggia sabbiosa inserita tra due scogliere di massi a protezione della linea di costa. La spiaggia era, un tempo, appannaggio esclusivo della villa d’Elboeuf, crollata rovinosamente tre anni fa. Anche questo tratto di costa è buono dal 2013.

L’Ex Bagno Rex, tratto di costa che attraversa tutta Portici fino a San Giorgio a Cremano, è stato classificato come “Eccellente”, il voto massimo dell’ARPAC. Caratterizzato da spiagge sabbiose intervallate da scogliere di massi che proteggono la linea ferroviaria dal mare, il litorale offre il miglior specchio d’acqua della città, ma anche il meno godibile. Pochi sono gli accessi data l’eccessiva urbanizzazione della zona circostante, molti dei quali sono appannaggio delle numerose ed antiche ville vesuviane.

Ricordiamo che, nonostante la pulizia dell’acqua, talune zone potrebbero essere classificate come non balneabili per motivi di sicurezza: tratti di mare pericolosi, accessi fatiscenti o strutture non adatte. Tali scelte sono prese anno per anno dal Comune in questione e non sempre dipendono dai dati ARPAC.

Per scoprire i dati ARPAC relativi ad ogni comune della Campania è possibile consultare la mappa completa su balneazione.arpacampania.it

Potrebbe anche interessarti