Torre del Greco: spiagge invase da scoli fognari

scarico fognario
scarico fognario

Che il sistema fognario di Torre del Greco generi costanti e numerosi problemi, sopratutto lungo la zona della litoranea, è risaputo: parliamo di strutture che non vengono aggiornate e bonificate da almeno vent’anni. Quello che è più grave, però, è che sono stati trovati ben cinque scoli fognari che riversano liquami e detriti proprio sulle spiagge che, fra poco più di un mese, diverranno balneabili e fonte di sostentamento per molti imprenditori locali.

A documentare la situazione sono stati i volontari del G.A.Z.I. (Guardie Ambientali Zoofile Italiane) che hanno fotografato questi scarichi degradati, che, se ignorati, potrebbero causare un disastro idrogeologico lungo tutto il litorale. “Siamo arretratissimi, abbiamo ancora un sistema fognario che scarica veleni e liquami sull’arenile – spiega Francesco Lavela, responsabile G.A.Z.I., e denuncia – Sono anni che chiediamo un intervento risolutore, ma, ancora oggi, queste acque sporche finiscono in mare solo dopo aver attraversato ed inquinato le nostre spiagge.”

scarico fognario
scarico fognario

Il pericolo di questi scoli non è solo relativo ai detriti che rilasciano. Sono infatti delle cavità dissestate e maleodoranti, abbastanza larghe da consentire l’ingresso di chiunque, ad esempio un bambino curioso, esponendolo a rischi enormi.

scogli invasi da rifiuti
scogli invasi da rifiuti

Ad aggiungersi al degrado delle spiagge c’è anche la situazione della zona portuale dove gli scogli che circondano l’intera area sono diventati vere e proprie discariche a cielo aperto. Molti cittadini hanno, infatti, depositato numerosi cumuli di rifiuti che hanno invaso ogni fenditura di roccia.

scarico fognario col graffito "Amiamo il mare"
scarico fognario col graffito “Amiamo il mare”

Sembra, però, che qualcosa si stia muovendo con gli annunciati lavori di riqualificazione dell’area costiera della città che, iniziati il mese scorso, termineranno il 31 Luglio 2015. Speriamo che questi lavori non servano solo ad abbellire e mascherare, ma che portino a una bonifica totale del nostro splendido mare. Intanto ci associamo al disperato messaggio di un torrese, scritto proprio su uno dei degradati scoli “Amiamo il mare”.

Potrebbe anche interessarti