La luce vince l’ombra. Gli Uffizi in mostra a Casal di Principe

la luce vince l'ombra

A partire dal 21 giugno, fino al 21 ottobre 2015, Casal di Principe diventa capitale dell’arte, ospitando 20 importanti opere della galleria degli Uffizi di Firenze.

La mostra, dal titolo “La luce vince l’ombra”, gode dell‘alto patronato della Presidenza della Repubblica e vede coinvolti il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, la Galleria Nazionale degli Uffizi, il Museo Nazionale di Capodimonte, la Reggia di Caserta, il Museo Campano di Capua, il Comune di Casal di Principe.

L’esposizione, a cura di Antonio Natali (Direttore della Galleria degli Uffizi) e Fabrizio Vona (Direttore del Polo Museale Regionale della Puglia) ed ospitata presso Casa don Diana, a Casal di Principe, Caserta, vuole essere un chiaro segnale di rinascita per un territorio martoriato.

La luce vince l’ombra” pone l’attenzione sulla pittura del Seicento di artisti napoletani o legati a Napoli e comunque “affascinati” dal linguaggio pittorico di Caravaggio. Saranno esposte, a Casal di Principe, opere eccezionali: Artemisia Gentileschi (Santa Caterina d’Alessandria), Luca Giordano (Carità), Mattia Preti (Vanità) ed incursioni contemporanee, con Andy Warhol, allo scopo di mostrare e valorizzare opere oggi custodite tra Napoli e Firenze.

Oltre alle magnifiche opere di questi grandi autori, si potranno visitare i luoghi confiscati e gustare i prodotti d’eccellenza, come la mozzarella e il vino fatti nelle terre confiscate alla mafie, accompagnati dagli “Ambasciatori della Rinascita” giovani del luogo che racconteranno il bello e il brutto di questa terra.

Data: 21 giugno 2015 – 21 ottobre 2015
Orario: ore 10.30-20.30
Dove: Casa Don Diana, via Urano 18 – Casal di Principe (Caserta)
Costo del biglietto: €10,00 (online) €8,00 (intero); Riduzioni: €4,00 (residenti a Casal di Principe, studenti under 35, senior over 65
Prenotazione: Facoltativa
Info: gliuffiziacasaldiprincipe@gmail.com – pagina facebook dell’evento

Potrebbe anche interessarti