Video. Di Maio presenta il contratto con la Lega: “Ci sono tutti gli italiani”

Luigi Di Maio presenta il contratto per il Governo del cambiamento. Nel post pubblicato su Facebook oltre ad allegare il contratto definito in tutte le sue parti, presenta anche un video in cui fa un riassunto di quello che saranno i settori da tutelare e quella che vorrà essere la sua linea di cambiamento.

Dopo 70 giorni di dissidi, dichiarazioni al vetriolo e momenti di stallo e di incomprensioni finalmente le due forze politiche in gioco che “sono e rimangano alternative“, come il capogruppo del Movimento Cinque Stelle sottolinea, “portano termine e concretizzano quello che hanno promesso ai cittadini”.

Un programma che vedrà protagonisti – secondo Di maio – non le futili e astratte promesse ma i cittadini, le persone vere, quelle che danno voce ai loro diritti e vogliono cambiamenti reali: “Ci sono le mamme che lavorano, i giovani della mi generazione che pensano al futuro, ci sono le famiglie in difficoltà e i lavoratori che hanno diritto ad un salario dignitoso. Gli insegnanti vittime di una riforma scellerata, gli anziani che mantengono intere famiglia con una sola pensione, gli imprenditori che fanno grande il Made in Italy. Ci sono le forze dell’ordine, i pescatori e le vittime di reati di violenza che non devono essere lasciati soli. Ci sono gli italiani. Una nuova era sta per cominciare. La cosa più bella è che ognuno di noi possa dire: io oggi sono nel contratto”.

Un programma che non aspetta altro che l’approvazione dei cittadini. Infatti Di Maio spiega nel video che nella giornata di oggi sarà possibile votare su Rousseau, e se la votazione avrà esito positivo il contratto verrà firmato, così da far partire finalmente il Governo del Cambiamento. E se così sarà, nel weekend gli attivisti e i portavoce del Movimento Cinque Stelle saranno in tutte le piazze italiane per spiegare e far conoscere in maniera più dettagliata il programma di governo.

LEGGI ANCHE  17 Marzo 1861, Unità d'Italia: perché il Sud non deve festeggiare

Conclude il video con dei ringraziamenti a tutti coloro che hanno dato il loro contributo, compresa la Lega Nord.

Ecco il video:

Potrebbe anche interessarti