Lungomare, partono i lavori da 13,5 milioni: dal wifi alle ciclabili, come sarà

Napoli Comincia a prendere forma il nuovo lungomare di via Parthenope, almeno secondo il progetto illustrato dall’assessore Edoardo Cosenza in Commissione mobilità. Diventerà una strada smart, come vuole la contemporaneità: non solo la pista ciclabile e due nuove corsie carrabili, ma anche il wi-fi libero, il controllo elettronico della velocità e soprattutto meno spazio per i gazebo dei ristoranti, che dovranno attenersi ad una comune linea estetica.

Il quotidiano Il Mattino riporta le parole di Cosenza, che apprezza il progetto ereditato dall’amministrazione guidata da Luigi de Magistris: “Contrariamente a quello che si poteva pensare dal rendering iniziale, non è di totale pedonalizzazione. Ci sono due corsie pienamente carrabili, sempre disponibili per il carico-scarico e pronte per le emergenze, che potrebbero essere sempre chiuse o parzialmente aperte, questo è da discutere. Ci sono due corsie ciclabili in corsia riservata, fisse e indiscutibili, fuori discussione qualunque sia la situazione della strada”.

“La parte stradale è progettata correttamente come sottofondo e come materiali, per non avere più brutture come via Toledo e via Chiaia dove c’è una sconnessione della pavimentazione, e c’è la pendenza per le acque piovane quindi non dovrebbero esserci ristagni d’acqua. Il marciapiede lato mare resta lo stesso, per imposizione della Soprintendenza, e c’è una riduzione dello spazio per i locali presenti, senza la possibilità di utilizzare in alcun modo il marciapiede lato edifici. Saremo rigorosissimi sull’uniformità degli arredi dei ristoratori, perché oggi sono assolutamente non coordinati oltre che troppo estesi”.

Nuovo lungomare di Napoli: i lavori e la durata

L’appalto ammonta alla somma di 13,5 milioni di euro, fondi da spendere entro il 31 dicembre 2023. Due anni, dunque, per poter usufruire anche dell’ultimo centesimo rimasto. I lavori dovrebbero partire invece entro i prossimi 8 mesi, e dureranno 14 mesi.

Da discutere è la questione sulla completa pedonalizzazione. Attualmente il parere ribadito più volte dall’amministrazione Manfredi è quello di una pedonalizzazione soltanto in determinati periodi, come i giorni di festa ed i fine settimana. Nei giorni feriali, al contrario, via Parthenope verrebbe aperta al traffico veicolare, almeno fino a quando la città di Napoli non sarà in grado di assicurare una serie di servizi che consentano di rinunciare all’auto: parcheggi e, soprattutto, trasporti pubblici efficienti.

Potrebbe anche interessarti