Prezzo carburante abbassato, controlli della Gdf a Napoli: 14 casi irregolari, multe fino a 3 mila euro

carburante controlli napoliBenzina e gasolio superiori a due euro. Il mese scorso il prezzo del carburante è salito alle stelle per questo il Governo ha deciso di abbassare le aliquote di accise. Una diminuzione di circa 30 centesimi che però non tutti i distributori hanno da subito applicato.

GDF, CONTROLLI A NAPOLI SUL PREZZO DEL CARBURANTE

Per questo il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli aveva disposto dei controlli amministrativi a massa per verificare quanti avessero recepito le indicazioni volute dal premier Mario Draghi di abbassare il prezzo del carburante. Come reso noto in un comunicato delle fiamme gialle, i servizi sono stati condotti su strada, attraverso il controllo di 79 automezzi per il trasporto di prodotti petroliferi e di 93 distributori stradali, anche per verificare il possesso delle autorizzazioni per la distribuzione di carburanti per autotrazione, dei documenti di trasporto, la corretta pubblicità dei prezzi, la loro esposizione al pubblico nonché l’avvenuta comunicazione periodica dei prezzi al Ministero dello Sviluppo Economico.

Il piano d’intervento ha consentito di riscontrare 14 casi di irregolare pubblicizzazione dei prezzi praticati e l’omessa comunicazione di aggiornamento prezzi al ministero dello Sviluppo Economico: le sanzioni amministrative vanno da 516 a oltre 3.000 euro per singolo gestore.

ALTRI CONTROLLI

Inoltre, a Pozzuoli, le Fiamme Gialle del Gruppo di Giugliano, hanno scoperto un sito di stoccaggio per vendita di Gpl completamente abusivo. Sequestrate 65 bombole contenenti 755 kg. di g.p.l., due bilance professionali, 1 motorino elettro-compressore artigianale con pistola erogatrice completa di manichetta artigianale in acciaio; un quaderno contente annotazioni di vendita extracontabili dal cui esame, secondo le Fiamme Gialle, emergerebbe un consumo in frode per 8,7 tonnellate in totale evasione di imposta.

Potrebbe anche interessarti