Santa Rita e la tradizione delle rose benedette: petali prodigiosi distribuiti ai fedeli

Foto di rosedisantarita.org

Santa Rita da Cascia, la santa delle cause impossibili, nacque nel 1381 a Roccaporena, frazione di Cascia (PG).

Il 22 maggio, festa in cui la Chiesa Cattolica festeggia Santa Rita, è il giorno della tradizionale “Benedizione delle rose” che avviene, dopo la messa pontificale, davanti alla Basilica di Cascia e ovunque si celebri il nome della Santa.

Ma perché la rosa è il simbolo della santa umbra?

La storia vuole che alla fine dei suoi giorni, Rita, malata e costretta a letto, chiese a sua cugina di portarle due fichi e una rosa dall’orto della casa paterna. Nonostante fossero nel pieno dell’inverno, a Roccaporena, la cugina vide in mezzo alla neve proprio una rosa e due fichi. Li raccolse e tornò a Cascia per portarli a Rita.
Da allora, la rosa è diventata il simbolo ritiano per eccellenza e rappresenta l’amore di Santa Rita che diffonde il suo profumo ovunque.

LEGGI ANCHE
Rose: "Difficile ribaltare il risultato. Ma se segnassimo subito un gol..."

Ancora oggi si dice che ogni volta che Santa Rita intercede per un miracolo il suo corpo, conservato all’interno della Basilica di Santa Rita da Cascia, emani profumo di rosa. E’ conosciuta oltre che “Santa della Rosa” e “Santa della Spina”, dal popolo anche “Santa delle cause impossibili” data la quantità enorme di miracoli attribuiti.

Fu beata, 180 anni dopo la sua morte, nel 1627 sotto il pontificato di Urbano VII e venne canonizzata durante il Giubileo del 1900 da Leone XIII.

Ogni anno il 22 maggio nella cittadina umbra e in tutta Italia si celebra la festa di Santa Rita. Una processione della statua e la benedizione delle rose che vengono poi consegnate ai fedeli.

LEGGI ANCHE
Napoli, dopo 38 anni torna la processione di Santa Rita alla Speranzella

A Cascia le rose vengono benedette e sfogliate dalle suore che poi consegneranno i petali ai pellegrini e a chiunque desideri portarli a casa come devozione e come ricordo della santa delle rose. I prodigi per chi riceve questi petali sono grandi, non si tratta di un talismano ma la forza dell’amore della santa si diffonde a chi li riceve.

A Napoli e in tutta la Campania il culto della santa è molto sentito. Nel 2018 dopo circa 40 anni è tornata la processione di Santa Rita alla Speranzella, nel cuore del centro storico di Napoli. Una processione con partenza dalla chiesa della Reale Arciconfraternità del SS. Rosario in Santa Rita Alla Speranzella a Toledo.

LEGGI ANCHE
22 maggio. Santa Rita da Cascia: la santa delle future mamme e delle cause impossibili

A Torre del Greco, invece, le celebrazioni hanno luogo ogni anno nella chiesa di Santa Rita a Corso Avezzana. Curata dalla comunità delle Suore della Carità per Santa Rita, la festa è seguita da moltissimi fedeli. Anche qui c’è la tradizionale benedizione delle rose da consegnare ai fedeli e a seguire la celebrazione eucaristica con la supplica alla santa.

Potrebbe anche interessarti