“‘A mamma”. La commovente poesia di Salvatore Di Giacomo

mamma

Domenica 10 maggio in Italia si festeggeranno tutte le mamme. Una ricorrenza civile diffusa nel mondo e celebrata in onore della maternità e dell’influenza sociale delle madri.

Le sue origini sembrano essere legate alle antiche popolazioni politeiste che, in questo periodo celebravano le divinità femminili legate alla terra. In Italia, la festa della mamma nacque nel 1957 con don Otello Migliosi, un sacerdote del borgo di Tordibetto ad Assisi ed inizialmente la data era fissa, cadeva sempre l’otto maggio, ma successivamente iniziò ad essere celebrata la seconda domenica di maggio come in tanti altri paesi del mondo.

Se volete essere originali e porgere i vostri auguri in modo speciale, perché non trascrivere, sul vostro biglietto di auguri, una bella poesia in napoletano? In occasione della Festa della Mamma 2015, noi vogliamo celebrarla con la poesia “‘A Mamma” del poeta napoletano Salvatore di Giacomo (Napoli, 12 marzo 1860- Napoli, 4 aprile 1934).

Chi tene ‘a mamma
è ricche e nun ‘o sape;
chi tene ‘o bbene
è felice e nun ll’apprezza

Pecchè ll’ammore ‘e mamma
è ‘na ricchezza
è comme ‘o mare
ca nun fernesce maje.

Pure ll’omme cchiù triste e malamente
è ancora bbuon si vò bbene ‘a mamma.
‘A mamma tutto te dà,
niente te cerca

E si te vede e’ chiagnere
senza sapè ‘o pecché, 
t’abbraccia e te dice:
“Figlio!!!”
E chiagne nsieme a te.

Auguri a tutte le mamme, a quelle future e a chi sogna di esserlo.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più