Universiadi 2019, Napoli città dei record: non solo per le medaglie

Ieri si è tenuta la cerimonia di chiusura delle Universiadi 2019 che si è tenuta a Napoli. Allo stadio San Paolo è stato effettuato il passaggio di consegne a Chengdu che ospiterà la manifestazione nel 2021. Intanto sono state tirate le somme dell’edizione napoletana delle Universiadi ed è stata un’edizione da record. Non era mai accaduto in Italia che si registrassero dei numeri simili. Non solo le 44 medaglie vinte dagli atleti italiani. Tutto è stato gestito nei minimi dettagli: sono stati distribuiti 600.000 litri d’acqua, 30 quintali di frutta fresca, quasi una tonnellata di isotonici, 50 quintali di ghiaccio.

Gli atleti e tutti coloro che hanno preso parte alla manifestazione sono stati trattati nel migliore dei modi con 180 mila pasti caldi. Sono stati messi a loro disposizione 200 pullman, 400 auto e 500 taxi. Importante anche il lavoro svolto del servizio sanitario: sono stati registrati 450 accessi di primo intervento legati a traumi ossei e muscolari, ma anche al caldo e a sintomi gastrointestinali. Sono state eseguite più di 40 radiografie ed è stato registrato solo un codice rosso causato dal caldo che è capitato ad un atleta algerino ricoverato al Cardarelli e fuori pericolo. Distribuiti anche 110mila profilattici, 10 mila asciugamani, 650 palloni da calcio, 250 da basket e volley, 120 da rugby.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più