Matera, il Parlamento delle Due Sicilie nella capitale della cultura 2019

matera parlamento delle due sicilieSabato 28 Settembre 2019 a Matera si terrà la seconda seduta del 2019 del “Parlamento” delle due Sicilie e del Sud. Dopo l’incontro di giugno a Napoli, nella sala storica della Provincia a Santa Maria la Nova a Napoli, era obbligatorio il salto dalla capitale del Sud alla capitale europea della cultura 2019, più precisamente nella storica sala consiliare della Provincia di Matera, in via Domenico Ridola 60.

Si tratta di un osservatorio e laboratorio meridionalista che ormai è attivo dal 2010 e raccoglie tutte le associazioni culturali e politiche del Sud che vogliono farne parte. La prima parte della seduta prevede la riunione delle Commissioni di Lavoro (da Cultura, Istruzione e Scuola a Turismo, Economia e Par Condicio Sud Nord).

Nella seconda, interventi degli ospiti (tra essi lo scrittore meridionalista Pino Aprile). In sintesi, nato come un progetto del Movimento Neoborbonico, è un gruppo di azione civico-culturale che nasce come osservatorio (di tutto quello che la politica e i media nazionali e locali fanno per il Sud o contro il Sud) e come laboratorio (idee e progetti che possano servire, soprattutto ai nostri giovani, a trovare un riscatto atteso da troppo tempo).

Numerose le personalità che girano attorno a quello che vuole essere il cuore pulsante della rivoluzione culturale che il Sud sta vivendo negli ultimi anni; da docenti universitari ad istituzioni pubbliche e private, giornalisti, ricercatori, storici, studenti e studiosi ma anche disoccupati, artigiani o imprenditori proprio perché il fine è sempre quello dell’aggregazione dei meridionali che ritrovano orgoglio e coraggio di guardare avanti insieme, portando con sé un pizzico di esperienza da mettere a disposizione di tutti.

Del “parlamento” fanno già parte oltre 200 “deputati” o delegati riuniti per le antiche Province dell’antico Regno delle Due Sicilie. Per un Sud sempre meno rappresentato e difeso da 159 anni, si fa sempre più urgente l’obbligo da parte della gente del Sud di tutelarsi e di cominciare a reclamare pari diritti rispetto al resto d’Italia e d’Europa.

In questo senso Matera è città-simbolo con quel treno mai visto da quelle parti… Ultimamente il “parlamento” è stato impegnato con studi e convegni nel fronteggiare le autonomie del Nord, per evitare quella famosa “secessione dei ricchi”.

L’iscrizione è aperta a tutti coloro che vogliono contribuire alla causa. Il programma della giornata che prevede anche un incontro con le istituzioni della splendida città lucana famosa nel mondo per “i sassi”, sui siti neoborbonici.it oppure parlamentoduesicilie.it. Per eventuali informazioni e adesioni si invita ad inviare un’email al contatto parlamentoduesicilie@libero.it.

Potrebbe anche interessarti