Video. Maradona, delirio nei Quartieri Spagnoli per il restauro del suo murales: Diego ringrazia così

Murales Maradona

Non esistono simboli senza immagini che li rappresentino. Per questo motivo il murales dedicato a Diego Armando Maradona sulle mura dei Quartieri Spagnoli è stato restaurato, perché sbiadiscono i ricordi, ma l’amore che la città di Napoli e che i napoletani provano per il loro mito assoluto non vacilla e non vacillerà mai e poi mai. Ieri, anzi, è tornato a splendere con nuovo vigore nella forma di un dio vestito d’azzurro di cui, più che le mura del centro storico partenopeo, è impregnato il cuore di un popolo intero.

Murales Maradona

Una folla senza eguali, infatti, ieri sera si è riunita per celebrare il ritorno al vecchio splendore del murales che a fine anni ’80 fu dedicato al pibe de oro argentino, manco Maradona fosse stato lì in carne ed ossa. Cori, applausi e uno spettacolo pirotecnico degno dell’ultimo giorno dell’anno hanno così salutato il ripristino dell’opera realizzata nel ’90 da Antonio Filardi e restaurata dal napoletano Salvatore Iodice.

Noi amiamo e non dimentichiamo! Calcio Napoli Vesuvio Live Video di Lucia

Pubblicato da Amo Napoli su Venerdì 4 marzo 2016

Ovviamente il grande spettacolo inscenato dai tifosi del Calcio Napoli è arrivato immediatamente anche al diretto interessato, che non ha perso tempo a far giungere a tutti coloro che hanno voluto omaggiarlo per l’ennesima volta un messaggio di sinceri ringraziamenti per le bellissime emozioni che sono riusciti a fargli provare ancora una volta. Diego Armando Maradona, infatti, proprio pochissime ore fa ha scritto un post sulla propria pagina facebook ufficiale, come al solito in lingua italiana, spagnola e inglese, anche se di sicuro il linguaggio col quale ha saputo rapire il cuore dei napoletani è stato quello del calcio. Di seguito ecco il post dell’argentino:

Italiano | Castellano | EnglishFesta di inaugurazione del murales nei Quartieri Spagnoli. Grazie napoletani, non ho…

Pubblicato da Diego Maradona su Sabato 5 marzo 2016

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più