Savoia-Herculaneum, Mignano: “Senza tifosi ospiti perderebbe lo sport”

Savoia-Herculaneum

Nessun quadro sarebbe davvero un capolavoro senza la cornice adatta, Savoia-Herculaneum rischia perciò di restare un’opera incompiuta. Inaspettata (forse non troppo) è arrivata, infatti, ieri la segnalazione da parte dell’Osservatorio per le Manifestazioni Sportive su quella che a tutti gli effetti dovrebbe essere la partita dell’anno, almeno per quanto concerne il girone A dell’Eccellenza campana, e che mette a rischio la presenza dei tifosi ospiti.

Così, anche se si gioca “solo” tra due settimane il pensiero dei supporters e degli addetti ai lavori non può che andare a questa eventualità. Il ds dell’Herculaneum, Marco Mignano, spera vivamente possa essere scongiurata: “Sarebbe bellissimo vedere entrambe le tifoserie sugli spalti. Penso che in queste situazioni, come sempre, a perdere siano lo sport e l’immagine del calcio. Giocare una partita come Savoia-Herculaneum senza i nostri tifosi sarebbe una sconfitta che non meritano né la società né il nostro pubblico, che ha sempre dato spettacolo sugli spalti, contraddistinguendosi come esempio di tifo pulito. Se si è giocato a porta aperte il match tra Savoia e Portici non vedo perché a perderci debbano essere i nostri sostenitori. Anche i nostri cugini di Caivano giocheranno a porte aperte contro il Savoia. Spero che le decisioni del Casms non ci penalizzeranno“.

Prima di affrontare questa spinosa situazione legata al match Savoia-Herculaneum, però, i granata sono attesi dalla gara casalinga contro la Sibilla Soccer, avversario per nulla semplice nella corsa verso la vittoria del campionato, per la quale – sempre secondo Mignano – sono tre le principali sfidanti: “Credo che questo sia uno dei campionati più forti e competitivi degli ultimi anni, con un Savoia – squadra dal grande blasone e dal grande pubblico – fortissimo e con un ottimo allenatore in panchina. Attenzione però al Portici. Io e la società abbiamo sempre pensato che loro fossero tra le pretendenti al titolo. Faccio i complimenti al ds Stiletti e a mister Borrelli, perché hanno costruito una squadra forte, che non definirei più come sorpresa, ma come vera e propria realtà che punta a vincere il campionato. Assieme alla Boys Caivanese penso possa puntare a posti altissimi“.

Più in alto di tutti, però, al momento c’è proprio l’Herculaneum: “Sappiamo di essere una buona squadra, ma dobbiamo restare coi piedi per terra e andremo avanti per la nostra strada mantenendo una mentalità operaia e soprattutto stando attenti ai pericoli, che sono sempre dietro l’angolo. Stare al primo posto è una grande responsabilità, perché ogni squadra che ci affronterà farà la partita della vita. Perciò non dobbiamo mai dare nulla per scontato“.

FONTE: Ufficio Stampa ASD A. V. Herculaneum 1924, Dario Gambardella

 

 

 

 

Potrebbe anche interessarti