Ugolotti:” oggi e’ mancato il carattere di Catanzaro”, Sottil:”Godiamoci questa vittoria, ma c’e’ ancora da lavorare”

Ugolotti

Il clima che si respira all’interno degli spogliatoi del Giraud non è dei migliori. La partita di oggi contro la Paganese non si doveva assolutamente perdere eppure gli oplontini pare abbiano fatto di tutto per autodistruggersi; sono scesi in campo senza quella giusta grinta e fame di rivalsa che è imprescindibile per raggiungere l’obiettivo salvezza e che costituisce la linfa vitale per quelle compagini come il Savoia che debbono sopperire alle evidenti lacune tecniche con qualcos’altro. In piu’, come se non bastasse, nell’occasione della rete di Girardi la difesa oplontina ha deciso all’improvviso di anticipare il Natale, facendo cosi’ un grande regalo agli azzurostellati i quali lo hanno subito scartato e portato a casa. E’ conscio di ciò anche l’allenatore torrese Ugolotti che ha evidenziato ai microfoni della stampa quanto sia mancata quest’oggi quella grinta riversata sul rettangolo verde del “Ceravolo”, lunedi’ scorso:” Quest’ oggi la squadra non mi è piaciuta. Nel primo tempo abbiamo fatto fatica a stare in campo ed eravamo molto bassi. Nella seconda frazione invece, ho sostituito Sevieri perche’ li’ in mezzo non riuscivamo a far circolare bene la sfera ed ho inserito due punte. L’intento era quello di alzare il baricentro ma i ragazzi non hanno in messo in campo quella grinta necessaria per vincere. La scarsa circolazione della palla ed il non essere riusciti mai a creare la superiorità numerica sulle fasce, hanno fatto poi il resto. L’ex allenatore della Casertana, punta dunque il dito principalmente sull’atteggiamento dei suoi calciatori che dopo aver subito goal sono andati in confusione e non sono riusciti piu’ a reagire:” Una squadra come la nostra che deve lottare per salvarsi, non puo’ andare in bambola dopo aver subito goal ma anzi deve reagire e cacciare fuori il carattere soprattutto quando gioca in casa, dinnanzi al proprio pubblico. Ci sarà tanto da lavorare sotto tutti i punti di vista per capire dove abbiamo sbagliato”. Un ultimo passaggio, sul calcio-mercato. Ci saranno nuovi arrivi a Gennaio? La risposta di Ugolotti, lascia intendere di si:” E’ evidente che se questa squadra possiede otto punti, qualche intervento sul mercato sara’ opportuno farlo. In ogni caso, al di la’ del materiale umano che ho a disposizione, non sono una persona abituata a fasciarmi la testa e lavorero’ duramente sino a quella data con i calciatori che ho a disposizione. In tal senso, le assenze di oggi (Calzi e Sanseverino) mi hanno dato la possibilita’ di capire quale contributo alla causa mi possano dare gli altri componenti della rosa ed in quale posizione posso impiegarli”.

 

Alle parole di Ugolotti, seguono quelle del mediano Gallo, il quale ci tiene a lanciare un messaggio ai tifosi”: Ai tifosi dico di stare tranquilli. Li capisco, hanno tutte le ragioni per contestare ma occorre ricordare che il campionato e’ lungo. Basta prendere d’esempio il Chievo: tutti gli anni si salva sempre nel finale di stagione. Sono convinto che raggiungeremo la salvezza;noi tutti la vogliamo ardentemente e ci impegneremo fino alla fine per tagliare il nastro del traguardo”.

 

Umori diametralmente opposti in casa Paganese dove mister Sottil gongola e si gode il quinto risultato utile consecutivo da quando si e’ insediato sulla sua nuova panchina:” Ho accettato con grande entusiasmo il progetto della Paganese perche’ ritenevo che ci potessero esserci i presupposti per risollevarci . Con il lavoro e l’abnegazione, i risultati finalmente stanno arrivando ma grande merito va soprattutto riconosciuto ai miei ragazzi: ho trovato una squadra forte con calciatori di spessore che mi ha facilitato il compito. Ci godiamo ora questa vittoria, consapevoli che dovremo continuare a impegnarci partita dopo partita per crescere sempre di piu’”. L’ex difensore di Foggia e Fiorentina, non e’ d’accordo su chi afferma che la sua Paganese ha in realta’ vinto con un mezzo tiro in porta e che il risultato piu’ giusto fosse un pareggio:” Il pareggio era il risultato piu’ giusto?ognuno ha il suo modo di vedere la partita. Ritengo che nel primo tempo abbiamo sbagliato soprattutto dal punto di vista tecnico, ma nella seconda frazione abbiamo rischiato poco, conquistato pian piano metri di campo attraverso i calci piazzati ed alla fine siamo riusciti a portare a casa la vittoria grazie alla rete di Girardi a cui vanno tutti i miei piu’sinceri complimenti. Un grande calciatore che si fa trovare sempre pronto tutte le volte in cui e’ chiamato in causa”.

 

A sconfessare pero’ l’allenatore azzurrostellato, ci pensa proprio l’autore del goal partita, Girardi il quale ammette che la Paganese ha vinto con un “mezzo tiro nello specchio della porta”:Ero tranquillo perche’ sapevo che prima o poi il goal sarebbe arrivato. Questa vittoria ci consente adesso di assestarci in una tranquilla posizione di classifica e di guardare ai prossimi impegni con maggiore serenita’. Sono comunque sincero e dico che in realta’ abbiamo vinto la partita senza mai superare la metà-campo avversaria. Dimostrare carattere vuol dire pero’ anche questo: abituarsi a soffrire e vincere le partita sfruttando la prima occasione che capita. Pensare che con Cuoghi ci capitava il contrario:creavamo tanto ma capitalizzavamo poco”.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più