Coppa Italia, Virtus Volla: finale e veleno

Virtus Volla

Finalmente dalle parti del “Paolo Borsellino” possono festeggiare davvero. Dopo una settimana da incubo la Virtus Volla può tornare ad accarezzare il sogno di mettere in bacheca la terza Coppa Italia Dilettanti della sua storia: sarebbe record assoluto. Volla in finale, Herculaneum a casa!

Ieri, nel tardo pomeriggio, la notizia che i biancoazzurri aspettavano con trepidazione da una settimana: la federazione ha respinto il ricorso dell’ A.S.D. Herculaneum 1924 in merito alla possibilità di disputare la finale in luogo dei vollesi (che avevano eliminato i granata sul campo), rei di aver schierato un calciatore squalificato.

Il fiato che la squadra di mister De Michele ha tenuto sospeso da giovedì scorso (giorno in cui è stato presentato il reclamo) è potuto, così finalmente uscire dalle bocche dei festanti dirigenti di Volla: vetriolo puro.

Ecco le parole del segretario generale, Vittorio Picardi: “Lancio un messaggio a coloro che vogliono vincere attraverso la giustizia sportiva. Il calcio dilettantistico serve a creare nuove amicizie con squadre di quartieri confinanti. Non deve essere rovinato da certi personaggi, che con la loro furbizia inculcano odio. Fotunatamente c’è la giustizia divina che è sempre dalla parte del bene, come accaduto a noi della Virtus Volla”. (Fonte: Ufficio Stampa Virtus Volla, Simone Scala)

Parole che certamente non aiutano a gettare acqua sul fuoco sull’intera vicenda, ma che soprattutto fanno sorgere una domanda: c’è più furbizia nel far giocare un calciatore in realtà squalificato o nel reclamare a giusta ragione contro un comportamento disciplinare scorretto?

L’ardua sentenza spetterà ovviamente ai posteri, ma è giusto sapere che il ricorso della squadra del presidente Mazzamauro è stato respinto soltanto perché presentato alcune ore dopo il termine ultimo e non per la falsità di quanto contestato.

 

 

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più