Casagiove, Russo: il capitano lascia dopo tre anni e mezzo

Casagiove Vincenzo Russo

Dopo tre anni e mezzo con indosso la maglia dell’Hermes Casagiove Vincenzo Russo annuncia il suo addio. Una comunicazione data ai vertici societari già da qualche mese, ma confermata in maniera irrevocabile dopo la salvezza conquistata sull’Isola di Procida. Una decisione presa già da tempo, come rivelatoci in un aneddoto: “Dopo la separazione da Papa, bisognava trovare un nuovo proprietario per la fascia di capitano. Nello scorso ritiro il tecnico Santonastaso ha lasciato la scelta a me ed a Tommaso Merola, così mi son preso io questo onore ed onere, poiché avrei voluto chiudere il rapporto con l’Hermes, salvandolo in Eccellenza con la fascia sul braccio”.

Da gran signore l’atleta, nato a Napoli ma cresciuto a Pomigliano d’Arco, ha atteso di raggiungere un traguardo prestigioso per il club giallorosso, prima di rivelare a tutti i compagni di squadra tale decisione: “Già quattro mesi fa avevo comunicato a Michele e Roberto Corsale la mia volontà di lasciare l’Hermes Casagiove, con il mio impegno a contribuire alla permanenza in Eccellenza. Tra lavoro e calcio non riesco a destinare molto tempo alla mia famiglia, poiché è troppo impegnativo. Voglio godermi la crescita dei miei due gemellini insieme a mia moglie, per cui sono alla ricerca di un progetto altrettanto serio come Casagiove ma meno gravoso. Mi auguro di trovare una squadra di Promozione, ma se non dovesse accadere non mi strapperei i capelli”.

Approdato a Casagiove nel dicembre 2011, Vincenzo Russo ha totalizzato 102 presenze e 48 goal. Numeri impressionanti per l’attaccante classe ’83, che apre il cuore per lasciare un messaggio importante: “Ringrazio infinitamente la famiglia Corsale per l’opportunità che mi ha dato sia a livello calcistico che a livello lavorativo. In particolar modo ringrazio Roberto, il quale mi ha dato la possibilità di sistemarmi. Mi sono realizzato grazie a Roberto, tanto che la nascita dei due bambini è frutto della giusta tranquillità di cui ho usufruito. Mi ritengo fortunato ad aver conosciuto persone come la famiglia Corsale, poiché ora il mondo del calcio è pieno di persone che ti prendono solo in giro e ti buttano in mezzo ad una strada da un giorno all’altro”.

Terminale offensivo in passato di Pomigliano, Formia, Isola di Procida, San Pio Mondragone e Virtus Carano, Vincenzo Russo ha trovato a Casagiove la sua dimensione. Tre sono le sue soddisfazioni più grandi: la salvezza in Eccellenza, il trionfo in Promozione ed il secondo posto della classifica marcatori dello scorso anno con 19 reti. La più gloriosa, però, la rivela lui stesso: “La vittoria nello spareggio play-out di Eccellenza a Procida è un qualcosa di indescrivibile. Un’emozione unica che ci ha ripagato con gli interessi dell’affermazione in Promozione dello scorso anno, quando non abbiamo potuto gioire a causa della scomparsa di Giuseppe Feola”. Alla domanda conclusiva se c’è qualche modo per arrivare a quota 50 reti con il team casertano, il bomber napoletano risponde: “Purtroppo non ce ne sarà la possibilità; porterò sempre nell’Hermes Casagiove nel cuore”.

FONTE: Ufficio Stampa Hermes Casagiove, Domenico Vastante

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più