Atenei di serie A e serie B? Il Governo, forse, ci ripensa…

Università

Negli ultimi giorni non si parla d’altro: l’attenzione generale è totalmente focalizzata sulle ultime disposizioni del Governo italiano in materia universitaria e scolastica. Vengono proposti continuamente emendamenti, provvedimenti, ddl e quant’altro che non fanno altro che mettere i bastoni tra le ruote agli aspiranti insegnanti, incrementando non solo le discriminazioni tra i vari atenei del Bel Paese, da Nord a Sud ma penalizzando gli studenti stessi, che con grossa fatica e sacrificio, cercano di portare avanti il loro incerto percorso universitario. Tutto ciò alimenta sempre più la “nuova condizione del secolo”: il precariato lavorativo ed esistenziale.

L’ultima news che ha suscitato letteralmente scalpore è quella della suddivisione degli atenei italiani in categorie: ci sarebbero quelli di serie A e quelli di serie B. Esempio pratico: a parità di voto, nei concorsi pubblici, si preferisce un candidato che si è laureato presso un’università considerata più prestigiosa. Il Sud, com’è ormai risaputo, viene penalizzato al massimo. Insomma, viene conferito un assurdo valore al nome, alla forma e non alla sostanza: crolla non solo il concetto di meritocrazia ma di gran lunga vengono meno i concetti base: non è l’abito che fa il monaco. Poco ma sicuro. Non è un voto, un numero o un nome che stabiliscono la preparazione di uno studente.

Sembra però che il governo abbia deciso di fare passo indietro: come riportato dal Quotidiano.net, il ministro della Pubblica Amminstrazione, Marianna Madia, ha dichiarato “C’è la massima apertura a fare modifiche, in modo condiviso, o anche a cancellare” l’emendamento al ddl P.A. secondo cui nei concorsi pubblici si terrà conto non soltanto del voto di laurea ma anche dell’ateneo di provenienza”.

Insomma si deciderà se apportare delle modifiche o se cancellare del tutto l’emendamento, che sarebbe la scelta migliore, eliminando così ogni discriminazione e confusione tra gli studenti. Si attendono notizie da parte della commissione Cultura della Camera.

Uno spiraglio di luce in uno scenario così assurdo?

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più