L’Afro-Napoli a Balotelli: “Gioca con noi contro il razzismo”

Balotelli

L’Afro-Napoli United è una squadra interamente composta da immigrati, nata nel 2009 per dire di no al razzismo. L’associazione calcistica campana giocherà la prossima stagione nella Prima Categoria e, per l’occasione, ha inviato una lettera a Mario Balotelli per invitarlo a giocare almeno una partita con loro. Un invito che può sembrare un’utopia, ma che suona come una provocazione a Super Mario che, dopo aver lasciato il Liverpool, non ha ancora ricevuto nessuna convocazione degna di nota.

Afro-Napoli United
Afro-Napoli United

La lettera è stata pubblicata sulla pagina Facebook ufficiale dell’Afro-Napoli. Nella prima parte il club mette in risalto le origini africane di Balotelli, cosa che lega indissolubilmente il campione con l’origine e le finalità della squadra campana: “Caro Mario, siamo l’Afro-Napoli United, una squadra di calcio che milita nel campionato di Prima Categoria della Figc in Campania. Ti scriviamo perché siamo certi che più di una cosa ci leghi. In primo luogo, sappiamo che ami Napoli e noi, a Napoli e in provincia, ci viviamo e giochiamo a calcio ormai dal 2009. Conosciamo le tue origini africane e sappiamo che per te sono un orgoglio. Ti sembrerà strano, ma anche questo ci lega. I nostri calciatori sono per la maggiore africani e provengono dal Senegal, dalla Costa d’Avorio, da Capo Verde, dal Gambia, ma anche da paesi sudamericani come Paraguay e Perù. Ovviamente, in squadra ci sono anche ragazzi napoletani e insieme cerchiamo di lanciare un messaggio. Quale? La diversità è un valore da preservare e non da contrastare, un’arma vincente, il nostro vero punto di forza. In un periodo come quello che stiamo vivendo, dove sempre più si parla di migrazione in termini negativi e xenofobi, gridare no al razzismo è fondamentale. Il nostro obiettivo è farlo ogni volta che scendiamo in campo. L’aver creato un gruppo coeso, dove culture e religioni diverse condividono la stessa maglia e gli stessi colori, è la nostra più grande vittoria, ma non ti nascondiamo che pure i risultati sportivi ci gratificano. In due anni, in pratica dal nostro debutto in Figc, abbiamo ottenuto due promozioni di categoria di fila. Quest’anno ci apprestiamo ad esordire nel campionato di Prima Categoria e sappiamo che sarà dura e non vogliamo sbilanciarci troppo.”

La lettera continua mettendo in risalto la differenza che intercorre fra i dilettanti dell’Afro-Napoli e gli idoli con cui è abituato a lavorare Super Mario: “La componente napoletana ci impone di essere scaramantici! Il nostro calcio è ben diverso dal tuo. I nostri calciatori, per vivere, fanno gli idraulici, i muratori, i tuttofare, i camerieri e alcuni sono dovuti andar via, in Calabria, e campano raccogliendo le arance e i pomodori. Spesso, il sabato, dopo la partita, si corre a lavoro ed è sempre più difficile districarsi tra le mille avversità. Ci sono i permessi di soggiorno, i campi inagibili, le spese, i problemi personali. Nessuno ci paga per giocare a calcio, ma affrontiamo tutto questo spinti dalla passione e dalla voglia di riscatto. Inutile dirti che per i nostri ragazzi sei un mito, un modello da seguire e ti imitano anche nel look. In te vedono una parte di Africa che ce l’ha fatta e, seguendo il tuo esempio, sperano di potercela fare anche loro. Che ti piaccia o meno, rappresenti quella nuova Italia, multietnica e multicolore, che la politica scellerata tenta di negare, ma che inevitabilmente riteniamo sia il futuro del nostro paese. Per tutto questo, nonostante la lontananza dei mondi a cui apparteniamo, siamo vicini. Forse è utopistico immaginare che tu possa mandare a quel paese il calcio dei potenti, dei milioni e delle tv che ti usa e non ti comprende allo stesso tempo, ma vieni a giocare con chi fa il calcio per amore e per passione, anche solo per un giorno. Noi afronapoletani saremmo felicissimi di ospitare un fratello afroitaliano.  Ci regaleresti un’altra vittoria”.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più